Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   FESTA DELLA CANONIZZAZIONE DI S.UBALDO 2017
   
Vescovo: Mons. Mario Ceccobelli
Primo Capitano:
Giorgio Fiorucci
Secondo Capitano:
Marco Moscatelli
Capodieci di S.Ubaldo: Roberto Guidarelli

Capodieci di S.Giorgio:
Pietro Tognoloni
Capodieci di S.Antonio:
Saverio Borgogni

 

    Domenica 5 marzo solenne celebrazione dell’ 825° anniversario della canonizzazione di Sant’Ubaldo, risalente al 5 marzo 1192.

  In tale data il nostro Patrono è stato dichiarato Santo con la nota “Bolla” di canonizzazione nella quale Papa Celestino III, fra l’altro, invita gli Eugubini a continuare la celebrazione della festa in onore del Vescovo Ubaldo, tutti gli anni, “ilariter”, allegramente.

  La giornata, fredda e piovosa, è iniziata alle 9.00, con il raduno di tutti i ceraioli e dei fedeli in Cattedrale, da cui, sotto la guida del Vescovo Ceccobelli, è partita la processione verso la Basilica di Sant’Ubaldo ove, alle ore 11,00 è stata celebrata la Messa solenne.
 

   Al termine della celebrazione religiosa, come è tradizione, all’interno della Basilica è seguita la cerimonia formale di
investitura del Capodieci del Cero di Sant’Ubaldo del prossimo 15 maggio, Roberto Guidarelli.
    A quest’ultimo, il 1° Capitano Giorgio Fiorucci e il 2° Capitano Marco Moscatelli, insieme al Capodieci dell’anno 2016 (Stefano Rossi), hanno consegnato lo stemma di Capodieci per l’anno 2017, con l’augurio “...di poter onorare degnamente il Nostro Santo Patrono Ubaldo”.

Il Capodieci di S. Ubaldo dello scorso anno, Stefano Rossi, consegna lo stemma a Roberto Guidarelli Il Capodieci di S. Ubaldo 2017, Roberto Guidarelli, con il Presidente della Famiglia, Ubaldo Minelli
Il Capodieci di S. Giorgio, Pietro Tognoloni, riceve la pergamena Il Capodieci di S. Antonio, Saverio Borgogni con la pergamena
Il primo Capitano, Giorgio Fiorucci, con la pergamena Il secondo Capitano, Marco Moscatelli con la pergamena

     Ai due Capitani Giorgio Fiorucci e Marco Moscatelli, ai tre Capodieci: Pietro Tognoloni (di S.Giorgio) Saverio Borgogni (di  S.Antonio) e Roberto Guidarelli (di S.Ubaldo) il Vescovo Ceccobelli, ha consegnato una pergamena contenente una reliquia di S.Ubaldo.

Vedi

     Espletata la cerimonia dell’investitura del Capodieci, l'appuntamento per tutti i ceraioli di S. Ubaldo è presso le sale degli Arconi del Palazzo dei Consoli di Via Baldassini per il tradizionale “Pranzo dei Santubaldari” con la partecipazione di autorità civili, religiose, militari e Ceraiole.
     Durante il pranzo sono stati consegnati 9
attesti di Benemerenza ad altrettanti ceraioli: Piero Berettini, Mauro Gaggiotti, Ubaldo Corazzi, Massimo Bedini, Giancarlo Tasso, Paolo Sannipoli, Armando Meniconi, Bruno Piccotti, Luciano Meniconi.

 


  Anche quest'anno, due giorni prima della festa ed esattamente
Venerdì 3 Marzo presso la Chiesa di San Pietro, la Famiglia dei Santubaldari, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le attività culturali,  del Presidente della Repubblica, della Diocesi di Gubbio e del Comune di Gubbio, ha inserito, nell’ambito delle solenni celebrazioni l' “IX° Concerto della Canonizzazione”.

   Concerto di musica sacra con brani di Bach, Schubert, Paganini, Verdi, Stradella, Ravel, Puccini e Franck, eseguite da un trio d’eccezione composto dal soprano Laura Musella, dal tenore David Sotgiu e da Stefano Mhanna all’organo e al violino. Ad accompagnare i cantanti sarà Stefano Ragni, musicologo, scrittore e pianista di rilievo.  Il Concerto, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, fa parte del progetto Omaggio all'Umbria.
   Nell’occasione, come nelle precedenti edizioni, fra la prima e la seconda parte del concerto, la Famiglia dei Santubaldari ha proceduto alla consegna del premio “Civis, Pater, ac Pontifex Ubalde”, che costituisce particolare riconoscimento ad un personaggio, storico, scrittore, ricercatore, che si è particolarmente contraddistinto per studi su Sant’Ubaldo, Cittadino, Vescovo e Patrono.
   Quest’anno il premio è stato attribuito a S.E. il Cardinale Ennio Antonelli che è stato vescovo di Gubbio da 1982 al 1988.
 

  

   Al termine il Cardinale Antonelli ha recitato una preghiera a S.Ubaldo, da Lui stesso composta qualche anno fa.

 

Vedi

PREGHIERA A S. UBALDO
O glorioso e amatissimo SantUbaldo,
all'urna, dove il tuo corpo venerato
riposa incorrotto in attesa della risurrezione,
hanno sempre guardato i nostri padri
di generazione in generazione,
per avere protezione e conforto.
Camminando sui loro passi
anche noi veniamo a te,
portando nel cuore i beni, le gioie e le speranze,
i mali, i dolori e le angosce,
della nostra vita e del nostro tempo.
Insegnaci ad essere liberi,
ma anche responsabili;
donaci benessere,
ma anche moderazione e saggezza;
liberaci dalle malattie e dai pericoli,
ma più ancora dall'egoismo e dall'incredulità.
Aiutaci a costruire una società di pace,
libera e giusta; a rispettare la vita;
a servire chi è più debole e solo;
chi è senza casa e senza lavoro.
Aiutaci ad avvicinare chi è senza Dio
e senza speranza;
a costruire, nella tua diocesi, comunità cristiane,
dove la presenza di Dio e del suo amore
si possa quasi toccar con mano.
Moltiplica i sacerdoti, i religiosi e le suore,
i laici impegnati.
Fa' che la vita di tutti noi
diventi un dono per gli altri,
come la tua è stata un dono incomparabile
per questo popolo
che celebra il tuo nome e ringrazia il Signore.
Amen

                                                            

    Vai alla cronaca della giornata >>>

<<< Torna alla pagina indice della "Festa della Canonizzazione"