Home Sign Guest Book E-mail View Guest Book
   PIERO RADICCHI
   

 Biography


Piero Radicchi was born in Gubbio on September 27th (precisely in via Gabrielli, section of S. Martino, near the church of Santa Croce.
He attended the primary school in Gubbio, but, in order to go on with his studies, he was forced to move to Andora (Liguria, north-west of Italy), not far from the French border, where he studied and lived in a boarding school managed by a religious order (Canonici Regolari Lateranensi).
After the secondary school, he enrolled in the Gymnasium to study Arts. But because of his father's untimely death, he had to change his plans and therefore enrolled in a teachers' training college.
He became a skilful highly - regarded "maestro"(teacher) and he lived passionately as a teacher of the primary school of many villages (Cascia, Pioraco, Passignano del Lago and Gubbio). In his native town he practiced his profession in remote and difficult-to-reach hamlets (Morena, Piemontino, Montanaldo, Scorcello and Mocaiana).
He closed his career as a teacher at the Edificio Scolastico in via Perugina (Gubbio), where he could teach also "Ceramics", an art that gave him the possibility to accomplish personal esteemed forms.
The passion and the love for Gubbio were sources of inspiration of his poetry. A poetry in dialect, that renders very well the authenticity, the freshness and the originality of the dialect of Gubbio, the language of our fathers that new generations are unfortunately losing!.
He died on August 14th 1995. In his life he published several collections of poems.

Such es:
  • Nostalgia di Quartiere (1981)
  • Vien per Gubbio con me (1985)
  • 'L nostro Patrono (1987)
  • Cose de casa nostra (1987)
  • Misticanzaela morale della favola (1988)
  • Gubbio e il nostro Cero S. Giorgio (1989)
  • I miracoli di Sant'Ubaldo (1990)

He also loved theatre and from that love sprang his passion as an actor. In his spare time, but with great care, he dedicated himself to his passion since he was a child.
Among several interpretation we can remember him in "La maestrina" by Dario Niccodemi at the teatro comunale di Gubbio (1945), nel "L'antenato" by Carlo Veneziani at the cinema Astra di Gubbio (1952), in "Ciao Nonno! Il contrattino" by Artemio Giovagnoni, a piece that Radicchi translated in dialect with the help of Sauro Clementi (1976).
Other interpretations in: "la Betia" by Ruzante (1975); "Beniamino Ciofetta appaltatore" by Artemio Giovagnoni(1977); "e il settimo si ripos" a comedy written by S. Fayad (1978); "il maresciallo Picilocchi" a comedy by A. Giovagnoni (1978); "Non ti pago" by Eduardo De Filippo (1981); "Tredici a Tavola" a comedy by M. Gilbert Sauvajan (1983).

Brani scelti:
      L'acqua de Sant'Ubaldo
      15 maggio 1987
      'l lupo e l'agnello
      Vien' per Gubbio con me


L'ACQUA DE SANT'UBALDO
Con su' madre Ubaldo giuvintto,
con divozione e spirito giocondo,
a piedi, per l'ardor ch'ava nte 'l petto
and 'n giorno a preg San Verecondo

a quel tempo da tutti venerto
nte la piccola cripta a Vallingegno;
nei pressi Ubaldo fu da Dio premiato,
de santit lasciando 'l primo segno.

'Nfatti la madre, per la caminta
fatta da Gubbio, lunga, 'stenuante,
cadde a terra sfinita e assetata.
Ubaldo forte d'animo e raggiante

Chiedendo grazia a Dio, preg umilmente;
sbbito d'acqua venne 'nna sorgnte
che sgorga sempre 'n grande quantit
anche quando c' tanta siccit



15 MAGGIO 1987
Co' 'nna serena, splendida giornata
Piena di sole, gente e d'alegria
I Ceri co' 'nn' entusiasmante "Alzata"
Pe' le vie cittadine han preso 'l via

ma, a la sera, purtroppo, la "Calta",
che ha da dimostr forza e fierezza,
presa con troppa grinta e a la sfrenta
ha procurto pi de 'nn' amarezza;

'nfatti San Giorgio, gito gi a la rasa,
ta Viola j entrato drnto casa
e pe' la crsa troppo vurticsa
Sant'Antonio te fa la stessa csa

Ma s' rialzato sbbito, a la lsta,
per, purtroppo, je spendola la testa
e Sant'Ubaldo, p 'nna gran "pendta",
ha scongiurato 'nna grossa caduta.

Ora tranquilli, 'n pace se ne stanno
Amati e rispettati nte la chiesa
'nn attsa d'sse arprsi 'l prossimo anno
per 'n' altra ardta, fatigsa impresa.



'L LUPO E L'AGNELLO
Per caso su 'nno stesso fiumicello
se truarono a b 'n lupo e 'nn agnllo.
Questo beva tranquillo a bassa fronte
e altretnto faca 'l lupo pi a monte.
'l lupo, ch'oltre ch' a b vola magn,
n' sapendo comme fa' per letig,
dictte: "Caro agnello, fa atenzione;
cerca de n' me fa' a b sto turbidne"
- Ma, scusa lupo, n' la pi com me;
l'acqua scorre per prima su da t.-
'l feroce, vinto da la verit,
'n altro pretsto tra per scagnar:
"Sei mesi fa te h'i de me sparlto".
- Sei mesi fa ancora nn'ero nato.-
"Per Dio, tu' padre ha detto male, alra".
J da 'l ciaffo, lo squarta e te l' divora.
Prprio cus sucde; 'l prepotente
L'ha sempre vinta sopra l'innocnte:
'sta violenza s' svlta 'n chiaro tno
tra 'n lupo tristo e 'nn agnello bno;
'l pggio quando a fa' fri questo o quello
i lupi te se vestono d'agnello;
pui ricve malanni e gran disptti
da chi te sta vicino e n' te l'aspetti.



VIEN' PER GUBBIO CON ME
Vien' per Gubbio con me, te far vde
Cose straurdinarie, 'n vero incanto
De 'nna citt ch'al mondo, m'hi da crede,
bn pche se ne possono fa vanto.

Gubbio: arampicato al colle Fisio
te se presenta ardito prepotente
ma con severit t'apre 'n sorrso
che t'acarzza 'l cre dolcemente

nco le su' pietre scure e alte mura
nco i palazzi le torri e i campanili
su sbalzi architettonici gentili
che de i sui artegiani fan brara.

Fceme da de qui, da quel gioillo
De convento, con ghisa a tre navate,
semplice, 'n gotco stile, puro, snello
capolavoro de Fra Bevignate;

Toqu da Assisi venne 'l poverello,
se present avilto gusi 'n pianto
de ta 'l su grande amico Giacomello,
la tnnica 'ndosso e se fece santo.

Gim oltre 'l giardino a via Piccardi
Che se dirma 'n tanti vicoletti,
da i forastieri fisseno ji sguardi
per contempl' la fuga de i sui tetti

gusi schiacciati da l'ardita mle
del Palazzo dei Consoli che svetta
solo e solenne nte l'azzurro e 'l sole
c 'l campanone drento la torretta;

gmeje sotto per via Baldassini
per vde la gegnle fantasa
de quattro archi ch'n tra lor vicini
e rggon Piazza de la Signura.

E adsso gmo verso 'nna fontana,
de fronte al Palazzetto del Bargllo,
'ntorno 'la quale c' l'usanza strana
de fa' gir 'l turista; oh, comm' bello!

Ch mentre fa tre giri vien mollto
e p matto de Gubbio dichiarato.
A riguardo de Gubbio e la pazza
Da tanto tempo c' sta dicera:

pare che quando 'l popolo eugubno
era sotto 'l governo papalno
spesso avena, purtoppo, 'l brutto fatto
che ntra la gente ce scappasse 'n matto;

pe' 'n manicomio 'n tale fu mandato
dal Papa perch avsse rimediato;
'l Papa rispose non turbato affato:
-chiuse le porte, 'l manicomio fatto-. 

Sul Bargllo te do anche sat nutzia:

l' vedi sto bugo a fianco al portoncino?
P i malefatti e per av giustizia
dinncia pota fa 'gni cittadino.

Dmme su te, oggigiorno bastara
'n bugarllo del genere? Ecce fede;
per qu se sente a d, per qu se vede
'n portone c 'n gran pozzo ce vorra.

Fmo 'nna scorsa toquagi, vicno
'l p schietto e pi chiassoso de i quartieri,
'l pi rinomato, San Martino.
Senza malincune, senza pensieri;

gente de cre i Sammartinari
scherzosi, generosi, famijari;
anche si cin qualcosa che non va
beno 'n goccetto e treno a camp.

E am passmo pe' 'nna via 'mportante
dedicata a Gabrielli Messer Cante
che per virt de i sui grandi poteri
condann a l'esilio l'Alighieri.

Te vojo di con tanta commozione
che io toqu so' nato, 'l mio rione
che 'nno scordar mai, Santa Croce
da ancor me pare de sent la voce

de quando scorrazzavo da fanciullo
co' i mi' compagni dietro a 'gni trastullo.
Oh! Care, rumorose stradiccile
Atraversate da le galinlle
Da la matna a sul cal del sole
Mentre a le chiacchierine fontanelle
Tante donnette, con andare stanco,
geno e venon co' l'erbe campagnole
e l'orcio pieno sgocciolante al fianco.

E guarda sto palazzo comme alra
ferrigno, austero; era la dimora
de 'n personaggio illustre, 'l "Capitano
del Ppolo" ch'ava 'l governo 'n mano;
de fronte al su' potre e ai sui diritti
anche i Consoli dovano sta' zitti.

Argmo 'ndietro, verso San Martino;
fermmoce 'n istante sopra 'l ponte:
case, torrente, scji e cl turchino
disposti su l'imbocco de la foce
del m caro rione."Santa Croce".

M pimo da 'n su pe' sta stradna
Via dei Consoli, tanto rinomata,
che 'nno studioso l'ha paragonata
per quel'poca a via de Barcellona.

Dmme la verit, te fan' fatca
sti quattro passi su sta salitlla;
coraggio, nn' lontana la magnifica
spaziosa, aperta, luminosa, bella

tanto fotografata "Piazza Grande"
nco 'l suo muriccilo de cintura
da da lo sguardo lontanando spande
sui tetti, le colline e la pianura.

Osrva 'ntanto la gentil facciata
de l'ardito palazzo; 'gni vetrata
manda riflessi color lilla e oro
mentre 'ntorno le rondine fan cro.

Drento c' 'l documento pi sublime,
le ormai famose "Tavole Eugubine"
da pare, almeno a di' de ji studiosi,
ce seno scritti riti religiosi.

E gimo toquass sotto 'l voltne
su quale pggia 'n stile sopraffno
'luminoso e ampio bel salone
gradto alggio dei Duchi d'Urbino

Seguitmo a gi' su per via Ducale
per raggiunge' la bella Cattedrale
grande maestosa a unica navata
co' l'abside finamente 'storiata

e l'arcate de semplice maniera
che prgon mano giunte 'n pia preghiera;
toqu Ubaldo divenne Santo e .ardto
aricondsse a Dio 'l clero smarrito.

Adesso raggiungmo via Savlli
per mostrtte 'nna cosa portentosa
l'opra divina d'Ottaviano Nelli
"Madonna col Bambino" deliziosa.

Sm passati pe' strade e vogoltti
m visto nte le nicchie co 'n tettino
santi e madonne con Ges Bambino
custoditi nel tempo dai poretti

che con fede sincera e grande amore
ce mtteno anche adesso qualche fiore
e facendose 'l segno de la croce
dcono 'nna preghiera a bassa voce.

Quanto s'i dolce, Gubbio, quando 'mbruna
l'aria e ta le tue ampie vetrate
batte 'l pallido raggio de la luna
e aspro 'l geranio e l'umide ventate.

Quanto s'i puro, Gubbio, co' la neve
e silenzioso sotto quel biancore;
le nere pietre peno 'ntono greve
e sempre vivo 'loro luccicore

Quanto s'i bello, Gubbio, co' la nebbia;
incerto e trasparente sotto 'n velo
diventi tutto quanto color seppia
parghi sospeso tra la terra e 'l clo.

Quanto s'i bello, Gubbio, quando 'l colle
eltto 'ntra lo scjo aspro verdeggia
e su 'n te scende delicato mlle
l'odore de ginestra e santoreggia.

Quanto s'i bello, pe' sti vigoltti
ravivti dal lume dei lampioni
col velo d'ombra cupa de i tui tetti
ch'ammascara i bei fiori su i balconi.
Quanto s'i santo 'nte la processione
Lenta e solenne co' 'l bel Cristo morto;
'gni persona se mve a l'emozione
e 'n segretezza ognun spera conforto.

Quanto s'i forte, quando 'l Campanone
msso dal campanaro coraggioso
te mette 'n cre tanta commozione
co' 'l s sno potente e melodioso.

Quanto s'i grande, Gubbio, quando a maggio
co' i Ceri e i tui fantstici colori
da secoli ripeti 'l tu' messaggio
de gioia, gaiarda con pieni ardori.

O Gubbio mio s'i bello a 'gni momento,
niscno mai ce truar difetto,
s'i 'n prodotto artegiano de intelletto,
'nna perla unica e viva del trecento.

BIBLIOGRAFIA
RADICCHI P. Misticanzaela morale de la favola, a cura delle "Cementerie A. Barbetti" Tipografia Zebi, Gubbio 1988.
RADICCHI P. I Miracoli de Sant'Ubaldo, a cura delle "Cementerie A. Barbetti" Tipografia Donati, Gubbio 1990.
RADICCHI P. Vien per Gubbio con me, a cura dell'Azienda di Promozione comprensoriale e delle "Cementerie A. Barbetti" Tipografia Bagnoli, Gubbio 1985.
Top