Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   NELLO BOCCI
   
   
Biografia e Opere

   Il Professore Nello Bocci è nato a Gubbio nel 1945, ha frequentato l'Istituto Statale d'Arte di Gubbio e quindi le Accademie di Belle Arti di Perugia e Venezia. Insegnante di educazione artistica.
   Dopo aver svolto significative esperienze dal figurativo all'astratto nel Nord Italia (Veneto e Friuli-Venezia Giulia), rientrato a Gubbio ha presentato le sue ricerche con una mostra antologica relativa al periodo 1972 - 1984, durante il quale le riflessioni sul "fare cultura" e sull'essere della scultura si intrecciano a quelle sul ruolo dell'uomo nella società contemporanea.
   Di questa visione si colgono tracce e conferme nelle varie fasi di elaborazione plastica e formale delle sue opere, anche nelle più recenti che si caratterizzano per raffinate soluzioni artistiche: dalle ceramiche ai bronzi, dai legni ai ferri, ai cementi, fino alla medaglistica.
   Numerose le mostre sia personali sia collettive in Italia e all'estero.
Ne ricordiamo alcune: a Gubbio, 1984; a Follonica, 1985; a Civitavecchia, 1986; a Fabriano, 1988; a Gries (BZ), 1990; a Salon de Provence, 1994; a Firenze, 1996; a S. Giacomo Laives (BZ), 1997.
   Si sono interessati del suo lavoro importanti critici: Vitaliano Angelini, Mariano Apa, Mario Apice, Giorgio Bonomi, Bruno Corà, Giorgio Cortenova, Franco Farina, Giuseppe Maradei, Luciano Marziano, Vincenzo Perna, Carlo Ponti, Duccio Travaglia, Marisa Vescovo.
   Oltre che con articoli e recensioni su quotidiani "il Messaggero", "La Nazione", "Il Corriere dell'Umbria", "L'Adriatico", "Il Tirreno", "Il Messaggero Veneto", il lavoro di Bocci è stato presentato anche dalla Televisione italiana nella trasmissione "Primissima" e in alcuni servizi di telegiornale (RAI3).
  
    Sue opere si trovano presso collezioni pubbliche e private, in musei all'aperto e presso il museo del Bargello a Firenze.



   Ultimamente ha realizzato la scultura
"piètas 2000", in bronzo, fusa con la tecnica a cera persa, rappresentante un uomo che, con il volto riverso e coperto da un velo per rappresentare la morte, viene sorretto da un braccio della madre terra che lo riporta nel suo grembo.
   Il 8 Giugno 2003, questa scultura è stata collocata all'inizio del Viale della Rimembranza di Gubbio, a ricordo dei tanti giovani eugubini morti durante la Prima Guerra Mondiale.



  

   Il 19 luglio 2003 è stata inaugurata anche un'altra sua opera "I dialoghi" collocata lungo Via Paruccini, poco distante dal Teatro Romano. L'opera è divisa in due parti e guarda contemporaneamente alla Gubbio vecchia e a quella nuova. I due elementi che la compongono vogliono sottolineare il "dialogo tra antico e nuovo", mentre il vuoto fra le due parti vuole rappresentare un vaso immaginario.



 
  Il 16 ottobre 2004 una sua opera a ricordo dell'ex sindaco di Gubbio Giuseppe Bei Clementi è stata posta nel "Parco S. Benedetto" realizzato nel luogo ove fino pochi anni fa c'era il famoso "Campo sportivo di S. Benedetto".
 



   Il 18 giugno 2005, in occasione dell'inaugurazione del "Largo Caduti di Nassiriya", opera realizzata a cura del “Rotary Club” di Gubbio ed intitolata ai giovani soldati italiani caduti in IRAQ a Nassiriya, è stata scoperta una sua opera in bronzo e pietra, a forma di leggio.
   Il 6 maggio 2006, in occasione dell'intitolazione dello stadio comunale (ex "S.Biagio") a
Pietro Barbetti, è stato scoperto un busto in bronzo raffigurante l'indimenticato presidente del Gubbio Calcio.

 

    Il 14 febbraio 2013 il Prof. Nello Bocci è morto a Gubbio, all'età di 68 anni.
   A noi ci piace ricordalo con la seguente foto fatta appena tre mesi fa (14 nov.2012), nella sua veste di membro della Compagnia dei Custodi della Pace, di cui faceva parte.

sito ufficiale dell'Artista
www.nellobocci.com

                                                            




 

 

 

Top