Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   CAPITANI E CAPODIECI DEI CERI 2002

<<< TORNA ALL'INDICE DEI CAPITANI E CAPODIECI  

Capodieci di S. Ubaldo  | Capodieci di S. Giorgio  |  Capodieci di S. Antonio 
Primo Capitano  |  Secondo Capitano 

 

Capodieci di S.Ubaldo


Cesare Marcheggiani
   Nato il 18/7/1964, abita a Madonna del Ponte, in via del Borghetto, tel. 075/9220879. E' sposato con la signora Annalisa Pierotti.
   "Cesarino" è nato nella frazione di Corso Semonte, noto "covo" di Sangiorgiari, e nonostante anche la mamma, Virginia Rogari, fosse di S.Giorgio, deriva la sua grande fede s
antubaldara dal padre Francesco (Checco de la Lulla) e dal nonno Cesare (Pipi).
Cesare è stato eletto capodieci il 13 gennaio 2002 dal "Consiglio del Cero di S.Ubaldo" nella riunione tenutasi presso la Taverna.
   La sua carriera ceraiola è stata rapida e luminosa, tant'è che a 21 anni lo troviamo capodieci della Calata dei Ferranti e a 23 capodieci del Corso! Per nove anni ha guidato la corsa del suo Cero in quel tratto bello e travolgente.
  La sua grinta l'ha sempre dimostrata anche con la presenza come capodieci del "Buchetto" con le mute di Don Luigi, Fernandone, Fontanelle, Monteluiano e Case popolari.
 Fin da ragazzo ha condiviso la vita della Famiglia dei Santubaldari, ma ha sempre riversato grande impegno nelle attività dell'Università dei Muratori di cui è anche consigliere.
   Di professione muratore, gestisce un'impresa edile con l'amico Fabio Mariani.

 

                                                 

Capodieci di S.Giorgio


Franco Nardelli
   Nato il 2/2/1951, a Cipolleto di Gubbio, attualmente abita a Branca, tel. 075/9256188. E' sposato con la signora M. Teresa Allegrucci, ha due figli: Alessandro e Roberta.

   Conosciuto con il soprannome di "Billo", ha derivato la sua grande passione per S.Giorgio dal padre Roberto (Berto de Gualandrello) e dai tanti sangiorgiari di Cipolleto, capeggiati da Giampiero Tosti alle dipendenze del quale aveva anche iniziato ad imparare l'arte del fabbro, prima di passare alle dipendenze della Ditta Edilcemento, costruttrice di prefabbricati.

  

   "Billo" è stato eletto Capodieci il 13 gennaio 2002 dall'assemblea generale dei Ceraioli di S.Giorgio, tenutasi presso gli Arconi sotto Piazza Grande.
Alla votazione hanno partecipato circa 600 ceraioli.

   La sua carriera ceraiola è stata molto lunga.
Già a 18 anni lo troviamo sotto la stanga, a punta, sul corso, con la "muta de Mauro" insieme a Carlo Tomarelli, Raffaele Minelli (Marcaccio), Mario Cortoni (Mencarino), Gabriele Acciaio e tutti gli altri con i quali ha fatto per tanti anni anche la calata dei Ferranti.

    L'esperienza di capodieci l'ha fatta sul Buchetto e sul monte.
    Fin da ragazzo ha condiviso la vita della Famiglia dei Sangiorgiari, di cui è stato anche uno dei fondatori
 

                                                 

Capodieci di S.Antonio


   Luigino Francioni
  
Nato il 14/4/1963, a Cipolleto di Gubbio, dove ancora abita, tel. 075/9276795. E' sposato con la signora Emilietta Calandrini, ha un figlio di 8 anni: Ludovico.
   Luigino ha derivato la grande passione per S.Antonio dalla sua famiglia (gli "Agnolino"). Suo zio, Guido Francioni, è stato Capodieci di S.Antonio
nel '74, anno in cui lo stesso Luigino alzò il cero piccolo.

    È stato eletto Capodieci il 8 gennaio 2000 dal Senato della Famiglia
dei Santantoniari (formato da tutti i capodieci viventi), e secondo consuetudine la sua nomina è stata ratificata l'11 gennaio 2002.

   La sua carriera ceraiola è stata molto lunga e gratificante: già nel 1982, a 19 anni, lo troviamo sotto la stanga, con la muta dei Francioni, presso la curva della Farmacia; poi dal 1991 fino l'anno scorso, l'abbiamo visto a "punta avanti" nella muta della Statua insieme, tra gli altri, a Marco Martinelli, Franco Fumaria, Raoul Procacci.

   Sempre presente e sostenitore delle iniziative della Famiglia dei Santantoniari, segue anche l'attività della Banda Musicale come suonatore di Flicorno tenore (Bombardino).
   Di professione geometra, libero professionista.
 

                                                 

Primo Capitano dei Ceri


   David Mariani
    Nato il 1/9/1945, abita a Loreto di Mocaiana, tel. 075/9255117.
   Sposato con la signora Clarice Bruni, ha una figlia: Valeria e due nipotine (Giulia e Chiara) che il genero Fulvio Fabbretti ha voluto vestire con la camicia azzurra.
   David accetta con gioia, ma non dimentica la sua fede santubaldara! Lui, punta avanti della muta di Mocaiana del tratto dell'Ospedale negli anni 70 insieme a Eridano Stocchi, Guglielmo Cencetti, Fausto Brugnoni, Dino Mancini ed gli altri.
   David ha appreso l'arte della muratura in Lussemburgo, a Esch sur Alzette, dove è stato emigrante dal 1963 al 1969, dopo che, da giovanissimo, aveva anche iniziato ad imparare l'arte del fabbro presso Carlo Tironzelli di Loreto.
  Rientrato in Italia è stato assunto come muratore da Tonino Wladimiro Fiorucci (recentemente e prematuramente scomparso) e in questa impresa edile ha trascorso tutta la sua restante attività lavorativa.
   Iscritto all'Università dei Muratori nel 1975, è stato inserito nel "Bossolo" nel 2000 per venire estratto proprio il 15 maggio 2000.
   Pur avendo una buona dimestichezza con i cavalli, si sta allenando con costanza su "Romina", famosa cavalla dell'allevamento di Fernando Bettelli.
 

                                                 

Secondo Capitano dei Ceri


   Guerrino Vantaggi
   Nato il 29/9/1944, abita a Cipolleto di Gubbio, tel. 075/9271528.
"Barzelletta" (questo è il suo soprannome) è sposato con la signora Marisa Pierotti, ha due figli: Fabio e Katia, mamma della piccola Benedetta che il suo babbo, Luca Ceccacci, ha voluto ceraiola di S.Ubaldo.
   Ma Guerrino è orgoglioso della sua passione Sangiorgiara! È cresciuto in Via Cantalmaggi e dai ceraioli anziani della Madonna degli Angeli è stato educato all'amore per il Cero di S.Giorgio. Ed è così che insieme al "Piccione", a "Bistecca" a "Paolo de Chicchirillo" a Tonino Scavizzi, e al "Pancio" lo troviamo per molti anni sotto il cero di S.Giorgio con la muta dell'Alzata, della Statua, dell'Agip.
   Guerrino è emigrato giovanissimo in Lussemburgo, dove ha appreso l'arte della muratura con la ditta Giorgetti e là ha soggiornato dal 1959 al 1966.
   Rocambolesca fu l'avventura iniziata nella giornata del 14 maggio 1963, quando insieme a due amici (Adamo Radicchi e Gino Piccotti "il Dodi"), rispondendo ad un impulso improvviso, di punto in bianco saltarono dall'impalcatura per correre con una FIAT 1500 verso Gubbio, dove, nonostante un lieve incidente stradale subìto in Svizzera, durante il percorso, giunsero appena in tempo per vedere l'alzata.
   Guerrino è rientrato definitivamente in Italia nel 1967 ed ha creato un'impresa edile che ancora gestisce con impegno quotidiano.
   Iscritto all'Università dei Muratori nel 1970, è stato inserito nel "Bossolo" nel 2000 ed è stato estratto proprio il 15 maggio 2000.
    Nonostante la passione per il "Santo Guerriero" non ama molto andare a cavallo, ma si sta allenando con costanza su "Roi", bello esemplare dell'allevamento di Bruno Vagnarelli.
 

                                                 

<<< VAI ALL'INDICE GENERALE dei CAPITANI & CAPODIECI

  

<<< VAI ALL'INDICE GENERALE DELLA CRONACA

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

 

<<< Vedi gli Appuntamenti in...
 Agenda