Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   CRONACA DICEMBRE 2015
   
<<< TORNA ALL'INDICE CRONACA 2015         <<< TORNA ALL'INDICE CRONACA GENERALE
04 dicembre 2015: Bruno Cenni presenta "Egubio, la Città di Ubaldo"
07 dicembre 2015: "Medici senza Frontiere" accende l'Albero di Natale di Gubbio

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

                                              Vedi le News... del mese successivo!!!

       Vedi le News... del mese precedente!!!

                                                            

 

04 Dicembre 2015 - Bruno Cenni presenta "Egubio, la Città di Ubaldo"


    Presentato presso la Biblioteca Sperelliana il libro di Bruno Cenni "Egubio, la città di Ubaldo. Appunti di topografia dall'XI al XII secolo".
   Riportiamo dall'introduzione: "i documenti base per ricostruire una possibile topografia della città d'Eugubio e suo territorio, suddiviso nel più prossimo comitato e più ampio distretto, sono le migliaia di pergamene originali che si conservano presso alcuni importanti archivi: quello della Curia Vescovile, quello di Stato di Gubbio...e quelli dell'Archivio Segreto Vaticano"

« Se ne è andata una figura di riferimento del panorama culturale della città  di Gubbio   - sottolinea  Stirati  -  con la quale ha mantenuto forti legami, anche se la sua vita e la professione lo hanno portato nella vicina Perugia, dove peraltro ha svolto un ruolo di primo piano, come ingegnere capo.  Stimato e apprezzato per la serietà, preparazione e capacità, notevole è stato il suo contributo anche in Regione, dove negli anni tra il ’70 e il ’76,  ha svolto un ruolo chiave nella pianificazione urbanistica.  Le sue qualità di profondo e appassionato conoscitore del territorio, lo hanno visto più volte impegnato   nel dare  un contributo fondamentale per la progettazione e lo sviluppo  urbanistico in Umbria e a Gubbio, in particolare.  Sua, tra l’altro,  la progettazione  del  corpus originario del Liceo ‘G. Mazzatinti’.  Mi preme  ricordare le importanti pubblicazioni di approfondimento sulla Festa dei Ceri e sull’architettura del Palazzo dei Consoli, così come l’apporto in qualità di socio fondatore all’Ancsa – Associazione Nazionale Centri Storici.  Con il suo operato ha contribuito a valorizzare e a far crescere  la consapevolezza della tutela e valorizzazione urbanistica.   Alla famiglia giungano a nome mio personale, dell’amministrazione comunale e della città, le più profonde e sentite condoglianze ».  - See more at: http://www.comune.gubbio.pg.it/notizie/cordoglio-del-sindaco-stirati-per-scomparsa-dellin#sthash.y675mJKJ.dpuf
« Se ne è andata una figura di riferimento del panorama culturale della città  di Gubbio   - sottolinea  Stirati  -  con la quale ha mantenuto forti legami, anche se la sua vita e la professione lo hanno portato nella vicina Perugia, dove peraltro ha svolto un ruolo di primo piano, come ingegnere capo.  Stimato e apprezzato per la serietà, preparazione e capacità, notevole è stato il suo contributo anche in Regione, dove negli anni tra il ’70 e il ’76,  ha svolto un ruolo chiave nella pianificazione urbanistica.  Le sue qualità di profondo e appassionato conoscitore del territorio, lo hanno visto più volte impegnato   nel dare  un contributo fondamentale per la progettazione e lo sviluppo  urbanistico in Umbria e a Gubbio, in particolare.  Sua, tra l’altro,  la progettazione  del  corpus originario del Liceo ‘G. Mazzatinti’.  Mi preme  ricordare le importanti pubblicazioni di approfondimento sulla Festa dei Ceri e sull’architettura del Palazzo dei Consoli, così come l’apporto in qualità di socio fondatore all’Ancsa – Associazione Nazionale Centri Storici.  Con il suo operato ha contribuito a valorizzare e a far crescere  la consapevolezza della tutela e valorizzazione urbanistica.   Alla famiglia giungano a nome mio personale, dell’amministrazione comunale e della città, le più profonde e sentite condoglianze ».  - See more at: http://www.comune.gubbio.pg.it/notizie/cordoglio-del-sindaco-stirati-per-scomparsa-dellin#sthash.y675mJKJ.dpuf
« Se ne è andata una figura di riferimento del panorama culturale della città  di Gubbio   - sottolinea  Stirati  -  con la quale ha mantenuto forti legami, anche se la sua vita e la professione lo hanno portato nella vicina Perugia, dove peraltro ha svolto un ruolo di primo piano, come ingegnere capo.  Stimato e apprezzato per la serietà, preparazione e capacità, notevole è stato il suo contributo anche in Regione, dove negli anni tra il ’70 e il ’76,  ha svolto un ruolo chiave nella pianificazione urbanistica.  Le sue qualità di profondo e appassionato conoscitore del territorio, lo hanno visto più volte impegnato   nel dare  un contributo fondamentale per la progettazione e lo sviluppo  urbanistico in Umbria e a Gubbio, in particolare.  Sua, tra l’altro,  la progettazione  del  corpus originario del Liceo ‘G. Mazzatinti’.  Mi preme  ricordare le importanti pubblicazioni di approfondimento sulla Festa dei Ceri e sull’architettura del Palazzo dei Consoli, così come l’apporto in qualità di socio fondatore all’Ancsa – Associazione Nazionale Centri Storici.  Con il suo operato ha contribuito a valorizzare e a far crescere  la consapevolezza della tutela e valorizzazione urbanistica.   Alla famiglia giungano a nome mio personale, dell’amministrazione comunale e della città, le più profonde e sentite condoglianze ».  - See more at: http://www.comune.gubbio.pg.it/notizie/cordoglio-del-sindaco-stirati-per-scomparsa-dellin#sthash.y675mJKJ.dpuf
« Se ne è andata una figura di riferimento del panorama culturale della città  di Gubbio   - sottolinea  Stirati  -  con la quale ha mantenuto forti legami, anche se la sua vita e la professione lo hanno portato nella vicina Perugia, dove peraltro ha svolto un ruolo di primo piano, come ingegnere capo.  Stimato e apprezzato per la serietà, preparazione e capacità, notevole è stato il suo contributo anche in Regione, dove negli anni tra il ’70 e il ’76,  ha svolto un ruolo chiave nella pianificazione urbanistica.  Le sue qualità di profondo e appassionato conoscitore del territorio, lo hanno visto più volte impegnato   nel dare  un contributo fondamentale per la progettazione e lo sviluppo  urbanistico in Umbria e a Gubbio, in particolare.  Sua, tra l’altro,  la progettazione  del  corpus originario del Liceo ‘G. Mazzatinti’.  Mi preme  ricordare le importanti pubblicazioni di approfondimento sulla Festa dei Ceri e sull’architettura del Palazzo dei Consoli, così come l’apporto in qualità di socio fondatore all’Ancsa – Associazione Nazionale Centri Storici.  Con il suo operato ha contribuito a valorizzare e a far crescere  la consapevolezza della tutela e valorizzazione urbanistica.   Alla famiglia giungano a nome mio personale, dell’amministrazione comunale e della città, le più profonde e sentite condoglianze ».  - See more at: http://www.comune.gubbio.pg.it/notizie/cordoglio-del-sindaco-stirati-per-scomparsa-dellin#sthash.y675mJKJ.dpuf

      Riportiamo anche il giudizio espresso da Giacomo Faramelli: "Un consiglio librario natalizio per eugubini ed amanti della storia medievale.
Ho potuto solo pregustare la presentazione di Eugubio, la città di Ubaldo, del prof.Bruno Cenni, dovendo andarmene quasi subito.
Ció che sto leggendo ora è, al netto dell'immane e preziosissima mole di documenti qui trascritti, frutto di un faticoso quanto appassionante lavoro d'archivio, un grande atto d'amore verso la nostra città, il nostro patrono, e la nostra storia.
Il sottotitolo, appunti di topografia dal XI al XII secolo, non rende merito a questo lavorio ai fianchi del lettore, appassionato o digiuno che sia della storia cittadina.
Ipotesi affascinanti, tesi documentate, e molte di quelle storie minori che compongono la nostra grande storia, si sommano pagina dopo pagina.
Pur non avendolo che iniziato sono convinto che alla fine di questo agile volume ogni lettore si sentirà fortunato, se eugubino di poter essere parte di questo retaggio millenario, se visitatore o acquisito capirà, una volta in più, quanto questa comunità abbia ragione del suo orgoglio secolare..."

 
                                          

7 Dicembre 2015 "Medici senza Frontiere" accende l'Albero di Natale di Gubbio


  L'Albero di Natale di Gubbio ha festeggiato la 35° accensione (fu realizzato per la prima volta nel 1981) e per l'occasione è stato acceso dall'organizzazione umanitaria internazionale "Medici Senza Frontiere", premio Nobel per la pace 1999.

   Ancora è ben presente nella memoria di tutti l'accensione dell'Albero di Natale di Gubbio avvenuta nel 2011 ad opera del Papa Benedetto XVI  e quella del 2012 ad opera del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano ed quella del 2014 da parte di Papa Francesco ed ecco che un altro soggetto entra nell'albo d'oro della incredibile opera del "Comitato degli Alberaioli" il gruppo di magnifici volontari eugubini che tutti gli anni si impegnano con tenacia e grande professionalità alla realizzazione dell'opera.

   Infatti, dopo Papa Francesco, per questa 35° edizione dell’ l’Albero di Natale più Grande del Mondo avrà come testimonial d’eccezione l’organizzazione umanitaria internazionale Medici Senza Frontiere, premio Nobel per la pace 1999 ricevuto in riconoscimento del suo “lavoro umanitario pioneristico realizzato in vari continenti”; oggi MSF è impegnata in più di 60 paesi con attività mediche che spaziano dalla gestione di ospedali, cliniche e centri nutrizionali, alla chirurgia di guerra e routinaria, alla lotta alle epidemie e al supporto psicologico per le vittime di traumi. Partendo dal presupposto che tutti gli individui sono uguali davanti alla sofferenza, "Medici senza Frontiere" fornisce assistenza medica gratuita di alta qualità alle persone che ne hanno bisogno, indipendentemente dal loro credo religioso o politico: nel reparto di un ospedale da campo di MSF, civili feriti possono trovarsi a fianco di soldati feriti della fazione opposta; le ostilità e le armi restano fuori dal cancello.

Alla nostra Associazione "Eugubini nel Mondo", sono giunti per l'occasione dell'accensione dell'Albero messaggi d'auguri provenienti da varie parti del Mondo ed indirizzati a tutti gli eugubini:

da Lussemburgo (Roberto Traversini )
da Cipro (Massimo & Consuelo )
da Lussemburgo (Delia & Kiko & Martina )
da Thann (Francia) ("Petits Chanteurs" & Jean-Pierre Janton )
da Lussemburgo (Aldo Bei )
dalla Spagna (Furio Ceccacci )
da Jessup (Pennsylvania) (Corrine & Linda )
da Lussemburgo (Marcello Moretti )

La trasmissione televisiva di Tele Radio Gubbio diffusa anche attraverso internet, ha permesso a tanti Eugubini che vivono lontano da Gubbio di seguire in diretta l'avvenimento a partire dalle ore 17.00 (5 pm) di lunedì 7 dicembre.
Ora è possibile vedere le immagini registrate dell'accensione
http://www.trgmedia.it/playYouTube.aspx?id=9405

   Per l'occasione Gubbio sarà raggiunta da una folla davvero enorme di turisti, richiamati dall'evento che assume sempre più le caratteristiche di un fatto internazionale.

   Contribuisce al richiamo turistico anche il consueto raduno di Camperisti organizzato dal Camper Club Gubbio, giunto alla 14° edizione.
 
   La cerimonia dell'accensione si terrà, come lo scorso anno,  in piazza 40 Martiri, dove il Comitato degli Alberaioli con il Presidente Lucio Costantini insieme al vescovo Ceccobelli e al sindaco Filippo Stirati daranno il benvenuto ai presenti e a quanti seguivano l'avvenimento in televisione e via internet.
  

   L’Albero di Natale
, come tradizione, rimarrà acceso fino al 10 Gennaio 2016.

 

 

    Al testimonial 2015, Miguel Lupiz in rappresentanza di "Medici Senza Frontiere", a ricordo dell’evento verrà consegnato come consuetudine un prodotto del migliore artigianato eugubino.

   Quest’anno si tratta di una ceramica realizzata da Lucia Angeloni e lustrata da Maurizio Tittarelli Rubboli che interpreta in maniera concettuale e simbolica il tema dell’Albero di Natale.

 

                                         

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

                                 Vedi le News... del mese successivo!!!

       Vedi le News... del mese precedente!!!

                                        <<< TORNA ALL'INDICE CRONACA 2015

<<< TORNA ALL'INDICE GENERALE DELLA CRONACA