Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   CAPITANI E CAPODIECI DEI CERI 2005
<<< TORNA ALL'INDICE DEI CAPITANI E CAPODIECI  
Capodieci di S. Ubaldo  |  Capodieci di S. Giorgio |  Capodieci di S. Antonio
  
Primo Capitano | Secondo Capitano

 Capodieci di S.Ubaldo


Danilo Tosti
    Conosciuto come “Valdano”, è nato a Gubbio il 25 Giugno 1967 ed abita a Casamorcia-Raggio (075-9255403 / 338-2438258) è sposato con la Sig.ra Luigina Zangarelli. Lavora come operaio presso la Cementeria Colacem di Ghigiano.
    La madre è Ofelia Biccheri e suo padre era Antonio Tosti (Veschino). Ha una sorella, Loriana, sposata con Fausto Selvi, anche lei simpatizzante del Cero di S. Ubaldo.
    E’ stato un ceraiolo molto precoce, infatti con il Cero Grande ha iniziato a 16 anni, con la “muta dopo la Prima Cappelluccia” del monte, per poi passare nel 1985 alla “muta di Barbi” del Corso. A questo proposito ricorda, con molta soddisfazione, il modo con cui è riuscito ad entrare: si trovava lì ed aspettava il passaggio dei Ceri; un colpo d’occhio gli permise di vedere, mentre passava davanti il suo Sant’Ubaldo, che la “punta dietro” non era entrata e la stanga era “pulita”; d’istinto, velocissimo, si buttò sotto, fece il pezzo e così conquistò sul campo il posto, infatti l’anno seguente tutti gli riconobbero il “diritto”.
Valdano appartiene alla Manicchia Esterna e propriamente alla zona di “Mocaiana” dove tanti hanno avuto come punto di riferimento ceraiolo Guerrino Gambini.
    E’ stato eletto Capodieci il 9 gennaio 2005 dall'assemblea generale dei Ceraioli di S. Ubaldo, tenutasi presso la Taverna della
Famiglia dei Santubaldari, in via Ubaldini. Alla votazione hanno partecipato 602 ceraioli.                                                

                                                    

Capodieci di S.Giorgio


Angelo Marinetti
    Appartiene alla “Manicchia di Semonte”, è consigliere della
Famiglia dei Sangiorgiari da numerosi anni, è nato a Gubbio l’ 8 ottobre 1960. Risiede in via B. Buozzi (cell. 339-4553022) e lavora, presso la Cementera Barbetti, con la ditta di Fronduti Lucio. E’ sposato con Donatella Merli (anche lei di fede sangiorgiara) ed ha due figli: Matteo di 16 anni e Federica di anni 10. L’amore per il cero di S. Giorgio gli è stato trasmesso da suo padre Federico (“Ciabatta”) e dalla mamma Sirena Palazzari (de “Menchinello”); tale passione la divide in famiglia con il fratello Mauro, “punta avanti” nella “muta di San Francesco”. Angelo ha iniziato la sua carriera ceraiola prendendo con la “muta di Barbi” il Cero Piccolo rinunciando, in quell’occasione, a fare il capodieci ma preferendo “entrare sotto”. Continuò con il Cero Mezzano nella “muta di S. Maria”. Il Cero Grande lo ha visto protagonista come “ceppo” nella “muta dell’Ospedale” e all’uscita delle tre Girate. Attualmente è il Capodieci nel tratto del “Mercato”.
Da ragazzo, i suoi riferimenti ceraioli sono stati Evangelista Terradura (“Morrino”), Renato Casagrande (“Capoccia”), Marcello Brunetti (“Cippice”).
   
Angelo è stato eletto Capodieci il 9 gennaio 2005 dall'assemblea generale dei Ceraioli di S. Giorgio, tenutasi presso la Taverna. Alla votazione hanno partecipato 605 ceraioli.

                                                    

 Capodieci di S.Antonio


Roberto Acciaio
    Nato a Gubbio il 28 Agosto 1962 ed abita in via dei Consoli (tel. 075-9276333). La sua è una numerosa famiglia composta di tre fratelli e due sorelle: Giancarlo, Gabriele, Marcello, Lina e Anna Rita.
   
La genuina passione ceraiola, senza aiuti da parte dei genitori, si è radicata in lui spontaneamente insieme ai suoi fratelli: Giancarlo e Marcello sono santantoniari, Gabriele è sangiorgiaro. E’ con tutti loro che Roberto divide la gioia e l’onore per questa “brocca”, oltre che con Elisabetta Barbetti, sua moglie (di famiglia santubaldara) e il loro figlio, Giordano, di anni 17 appassionato ceraiolo del Cero di S. Antonio.
    All’età di 16 anni, Roberto, inizia a prendere il Cero Grande con la muta del fratello Giancarlo sul monte come punta dietro. Successivamente lo prenderà in Via XX Settembre, Inam, S. Maria, Migliarini, Barbi, per dieci anni punta davanti nella “callata dei Ferranti” e infine capodieci nel tratto del “Mercato”.
    E’ una vita “ceraiola” invidiabile che costituisce un’incredibile soddisfazione coronata con l’alzata del Cero.
   Di diritto fa parte da due anni del Consiglio della
Famiglia dei Santantoniari.
    E’ stato eletto, a larga maggioranza, il 10 Gennaio 2004 dal Senato del Cero di S. Antonio composto da 40 Capodieci anziani.

                                                    

Primo Capitano dei Ceri


Massimo Panfili
    Nato a Gubbio il 12 novembre 1950, abita nel borgo di S. Agostino, in via di Porta Romana, 53 Tel. 075-9274758.
   Muratore per tradizione familiare, ha iniziato quest’arte giovanissimo, all’età di 16 anni, con  la ditta di Duilio Ridolfi (Capodieci di S. Ubaldo nel 1968). Santubaldaro e Muratore era anche suo padre, Quintilio, morto per incidente sul lavoro nel 1975.
    Tutta la sua famiglia è di tradizione santubaldara, infatti santubaldara è anche la mamma, Santina Barbacci, ed il fratello, Ferruccio, recentemente scomparso (2004).
Da tutti conosciuto come “Massimone” è stato “Ceppo avanti” della Calata dei Neri per più di 20 anni (dal ’76 al ’87), ma anche altri “pezzi” lo hanno visto ceraiolo di valore, come la curva di S. Francesco e lo stradone dei Pinoli.
   E’ consigliere dell’
Università dei Muratori, nella quale è iscritto da circa 25 anni. E’ stato inserito nel "Bossolo" nel 2000 ed è stato estratto dal “Bussolo” il 15 maggio del 2002, pertanto sarebbe dovuto essere il Primo Capitano del 2004, ma per motivi personali è stato spostato al 2005 ed ha lasciato il posto di Capitano dei Ceri 2004 ad Alberto Fondacci.
Massimone quando smise di prendere il cero, entrò nella… “cucina dei Muratori” e molte feste dei Ceri le ha trascorse ad aiutare il famoso chef  eugubino Massimo Monacelli.

                                                    

 Secondo Capitano dei Ceri


Giampiero Fratini
   Nato a Gubbio il 9 luglio 1947, abita nella frazione di S. Marco (Tel. 075-9229330), ma è nato nel quartiere di S. Pietro ed è vissuto per lungo tempo in quello di S. Martino.
    Giampiero, di fede sangiorgiara, ha sposato la sig.ra Franca Allegrucci, simpatizzante di S. Ubaldo. Ha tre figli: Fabrizio, sangiorgiaro, che è stato il II Capitano dei Ceri Mezzani nel 1985; Barbara, sposata a S. Sepolcro; Roberta, ostetrica all’ospedale di Gubbio e sposata con Mirco Gaggiotti, santubaldaro.
Suo fratello Novello è stato Primo Capitano dei Ceri nel 1993.
    Giampiero è iscritto all’Università dei Muratori dal 1976, ma il suo primo mestiere non è stato quello di muratore, bensì quello di "cuoco"! Infatti dopo aver iniziato come cameriere a Gubbio presso l’Hotel Oderisi, passò come cuoco, all’Hotel Gigli di Numana (AN), poi a Cattolica all’Hotel Sorriso, quindi in Svizzera a Neuchâtel per ritornare dopo all’Hotel Excelsior di Riccione ed infine per terminare all’Hotel La Rocca di Gubbio nel ’73.
   Nel 1975 ha abbandonato i fornelli e le casseruole ed è passato alla “cucchiara” infatti emigrato in Algeria, inizia ad imparare l’arte della muratura e al suo ritorno a Gubbio viene assunto dalla ditta di Ardicino Pannacci (Primo Capitano dei Ceri nel 1982) e attualmente è alle dipendenze della ditta di Giuseppe Tosti (Secondo Capitano dei Ceri nel 1993).
    Ovviamente, non ha dimenticato il suo primo lavoro e spesso, negli anni indietro, ha prestato la sua opera, insieme ad altri muratori, nella cucina per i Ceri.
   Inserito nel "Bossolo" nel 2000 è stato estratto il 15 maggio 2003.

                                                   

<<< VAI ALL'INDICE GENERALE dei CAPITANI & CAPODIECI

 

<<< VAI ALL'INDICE GENERALE DELLA CRONACA

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

 

<<< Vedi gli Appuntamenti in...
 Agenda