Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   CRONACA MARZO 2018
   
<<< TORNA ALL'INDICE CRONACA 2018         <<< TORNA ALL'INDICE CRONACA GENERALE
4 marzo 2018: Festa della Canonizzazione
10-11 marzo 2018: Campionati italiani di corsa campestre (3° edizione a Gubbio)
10 marzo 2018: Mostra di Pittura di Lucio Lupini
13 marzo 2018: Musica da raccontare: nei canti di guerra il valore del ricordo
17 marzo 2018: 157° anniversario dell'Unità d'Italia
17 marzo 2018: Consegnati i Premi Bandiera Città di Gubbio 2017
marzo 2018: Fabio Mariani sarà il "Crematores eugubino" alla festa di Thann
24-25 marzo 2018: "Ventomania 2018" -Aquiloni a Gubbio
30 marzo 2018: Venerdì Santo - Processione del Cristo Morto
   

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

                                              Vedi le News... del mese successivo!!!

       Vedi le News... del mese precedente!!!

                                                            

 
4 Marzo 2018 - Festa per la Canonizzazione di S. Ubaldo

    Domenica 5 marzo solenne celebrazione dell’ 826° anniversario della canonizzazione di Sant’Ubaldo, risalente al 5 marzo 1192.

  In tale data il nostro Patrono è stato dichiarato Santo con la nota “Bolla” di canonizzazione nella quale Papa Celestino III, fra l’altro, invita gli Eugubini a continuare la celebrazione della festa in onore del Vescovo Ubaldo, tutti gli anni, “ilariter”, allegramente.

  La giornata, fredda e piovosa, è iniziata alle 9.00, con il raduno di tutti i ceraioli e dei fedeli in Cattedrale, da cui, sotto la guida del nuovo Vescovo Mons. Luciano Paolucci Bedini, è partita la processione verso la Basilica di Sant’Ubaldo ove, alle ore 11,00 è stata celebrata la Messa solenne.
 

   Al termine della celebrazione religiosa, come è tradizione, all’interno della Basilica è seguita la cerimonia formale di
investitura del Capodieci del Cero di Sant’Ubaldo del prossimo 15 maggio, Fabrizio Martini.
    A quest’ultimo, il 1° Capitano Francesco Rossi e il 2° Capitano Mauro Guardabassi, insieme al Capodieci dell’anno 2017 (Roberto Guidarelli), hanno consegnato lo stemma di Capodieci per l’anno 2018, con l’augurio “...di poter onorare degnamente il Nostro Santo Patrono Ubaldo”.

 

 

da Sn a Dx - il Sindaco Filippo Stirati, il presidente dell'Università dei Muratori Fabio Mariani, il primo Capitano Francesco Rossi, il secondo Capitano Mauro Guardabassi e il trombettiere Marco Tasso
Letta la formula di rito da parte dei Capitani Francesco Rossi e Mauro Guardabassi, Fabrizio Martini riceve lo stemma di capodieci dal suo predecessore Roberto Guidarelli, alla presenza del Vescovo Luciano e del Persidente della Famiglia dei Santubaldari Ubaldo Minelli
Ai due Capitani Francesco Rossi e Mauro Guardabassi, ai tre Capodieci: Fabrizio Martini (di S.Giorgio) Saverio Borgogni (di  S.Antonio) e Roberto Guidarelli (di S.Ubaldo) il Vescovo Paoletti Bedini, ha consegnato una pergamena contenente una reliquia di S.Ubaldo.
Il Capodieci di S. Giorgio, Giorgio Angeloni, riceve la pergamena Il Capodieci di S. Antonio, Giovanni Vantaggi riceve la pergamena
Il primo Capitano, Francesco Rossi, con la pergamena Il secondo Capitano, Mauro Guardabassi con la pergamena
Vedi

     Espletata la cerimonia dell’investitura del Capodieci, l'appuntamento per tutti i ceraioli di S. Ubaldo è presso le sale degli Arconi del Palazzo dei Consoli di Via Baldassini per il tradizionale “Pranzo dei Santubaldari” con la partecipazione di autorità civili, religiose, militari e Ceraiole.
     Durante il pranzo sono stati consegnati 9
attesti di Benemerenza ad altrettanti ceraioli: Alberto Calzuola, Alberto Angeletti, Luigi Castellani, Marcello Cerbella, Lucio Coldagelli, Lapazio, Sauro Martelli, Marcheggiani, Corrado Baldinelli, Gianni Cacciamani, Tino Calligaro.

Il pranzo dei Santubaldari ha favorito anche l'opportinità di incontro dei nostri due Vescovi: il vescovo emerito, Mons. Mario Ceccobelli e il neo Vescovo di Gubbio, Mons. Luciano Paolucci Bedini

    Anche quest'anno, due giorni prima della festa ed esattamente Venerdì 2 Marzo presso il Teatro Comunale "Luca Ronconi", la Famiglia dei Santubaldari, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le attività culturali,  del Presidente della Repubblica, della Diocesi di Gubbio e del Comune di Gubbio, ha inserito, nell’ambito delle solenni celebrazioni l' “X° Concerto della Canonizzazione” la rappresentazione della Traviata di Giuseppe Verdi in forma di Concerto.

    Nell’occasione, come nelle precedenti edizioni, la Famiglia dei Santubaldari ha proceduto alla consegna del premio “Civis, Pater, ac Pontifex Ubalde”, che costituisce particolare riconoscimento ad un personaggio, storico, scrittore, ricercatore, che si è particolarmente contraddistinto per studi su Sant’Ubaldo, Cittadino, Vescovo e Patrono.
   Quest’anno il premio è stato attribuito al Vescovo Emerito Mons. Mario Ceccobelli che è stato
vescovo di Gubbio da 2005 al 2017.

  

   Al termine il Presidente della Famiglia dei Santubaldari, Ubaldo Minelli, ha ringraziato la delegazione di Thann, giunta a Gubbio per l'occasione e ha donato un magnifico quadro con immagine di S. Ubaldo a Tino Calligaro, responsabile nella città alsaziana del Gemellaggio tra Thann e Gubbio.

 

 

10-11 Marzo 2018 - Festa del Cross a Gubbio


   Per il terzo anno consecutivo Gubbio è stata scelta come sede per i Campionati italiani individuali e di società di Corsa Campestre. Questa rassegna nazionale di corsa campestre, organizzata dalla Fidal, si è ritrovata ancora al Parco del Teatro Romano dove il maltempo non ha frenato gli oltre 2.400 atleti in gara, con l'assegnazione di ben 23 titoli nazionali.
   Grande entusiasmo tra i partecipanti, nonostante l'inclemenza del tempo, e ottima organizzazione grazie all'impegno della Gubbio Runners affiancata dal Comune di Gubbio. Di particolare suggestione la cerimonia inaugurale nello scenario del Teatro romano, arricchito dalla coreografia degli Sbandieratori e dall'accensione del tripode da parte di Johanes Chiappinelli, che poi si è laureato campione italiano di corsa campestre.

la Festa del Cross di Gubbio consegna i titoli italiani assoluti a Yohanes Chiappinelli (foto) e Martina Merlo. Chiappinelli, ricoperto di fango dalla testa ai piedi ha preceduto Lorenzo Dini e Michele Fontana.
La Merlo ha prevalso su Francesca Bertoni e Valeria Roffino.
Chiappinelli si è aggiudicato anche il titolo promesse, quello femminile è andato a Francesca Tommasi.

11 marzo 2018 - Mostra di pittura di Lucio Lupini


    Si è conclusa a Gubbio la Mostra di pittura di Lucio Lupini intitolata "Sguardi e impressioni".
Per un mese le sue opere sono state esposte presso la "Galleria della Porta" in corso Garibaldi.
   Sono opere in cui traspare
un forte amore per la natura e una marcata sensibilità per il mondo che lo circonda, tanto da essere i protagonisti principali delle sue opere che rappresentano la realizzazione recente di una passione, quella per la pittura, di origine giovanile, ma che solo recentemente è stata ripresa. L'autore stesso in occasione del ricevimento del premio "La farfalla d'oro" nel 2013 ha affermato
"è frutto di una passione accantonata per tanti anni, ma mai dimenticata e riemersa nel tempo grazie alle figlie che mi hanno fatto trovare sotto l’albero di Natale, 4 anni fa, il necessario per dipingere invitandomi a comportarmi un po’ più da pensionato".
    Interessante il giudizio che ne dà lo storico e critico d'arte Ettore Sannipoli:
 "La pittura di Lucio Lupini rispecchia una ben definita visione del mondo, una particolare filosofia di vita. Un mondo ed una vita esperiti entrambi nella loro ricca e accogliente pienezza, fatti di una sostanza variopinta e calda al tempo stesso, nella quale il colore, quasi sempre solare, definisce forme e spazi, descrive positivamente sensazioni, atmosfere, sentimenti.
Luoghi, cose ed esseri viventi condividono lo stesso status 'ribollente', nella consustanzialità d'una materia pittorica densa, corposa e fluttuante che senza alcuna soluzione di continuità, ovvero senza venir mai meno, pervade e satura l'intera rappresentazione.
Contrasti e confronti di colori puri, ritmici, intensi, dotati di una forza endogena che si trasforma immancabilmente in un dinamismo brulicante, ovunque diffuso, determinato da un sentimento soggettivo del percepire, da un simpatetico trasporto emotivo nei confronti del reale.
Pur nella varietà dei soggetti raffigurati, che vanno dalle vedute paesistiche agli scorci urbani, dalle marine alle scene folcloriche e quant'altro, tutto sembra diventare una specie di inno alla bellezza della vita, ai valori positivi del creato, onnipresenti per chi- come il Nostro- raggiunge finalmente la disposizione
d'animo atta a percepire così rigogliose e abbondanti visioni.
In verità la pittura di Lucio Lupini ci insegna a chiare lettere che lo spettacolo straordinario della vita e del mondo è tutto dentro di noi: la chiave per apprezzare ogni cosa che vediamo, ogni evento a cui partecipiamo o al cospetto del quale ci troviamo anche per un solo istante, risiede nella nostra predisposizione interiore all'armonia, alla sorpresa, al bello. Crescere, migliorare e maturare significa infatti trovare le ragioni, la volontà, la forza per diventare puri nell'animo, disponibili ad accogliere senza riserve nel cuore e nella mente, e quindi a vedere di fronte ai nostri occhi, i caldi colori e la ineguagliabile
bellezza della realtà che ci circonda, la quale penetra e si diffonde ovunque, riversandosi infine dentro di noi, quasi con un senso di riconoscenza."

     Lucio Lupini, nato a Gubbio il 16/06/49 è personaggio eugubino molto conosciuto ed impegnato.
    Laureato in giurisprudenza, è Presidente dell'Associazione Maggio Eugubino dal 2005,

    Ha esposto le sue opere in occasione di rassegne collettive a Gubbio e partecipa dal 2010 al concorso 5O&Più Prosa, Poesia, Pittura e Fotografia, il concorso nazionale, la cui prima edizione risale al 1983, proposto a tutti gli over 50 non professionisti che vogliono trovare nell'esperienza artistica il piacere di comunicare e valorizzare la propria ispirazione.

   Premi e riconoscimenti ricevuti:
2010 Farfalla d'argento al concorso 5O&Più per l'opera "Rosso d'autunno", olio su cartone telato.
2011 Farfalla d'argento al concorso 5O& Più per l'opera "Anna in un pomeriggio d'estate", olio su cartone telato.
2012 Farfalla d'argento al concorso 5O&Più per l'opera "Alba a Vieste", olio su cartone telato e menzione speciale della giuria con la seguente motivazione: "La tessitura della luce solare pervade lo scenario dipinto in un caleidoscopio di toni effervescenti".
2013 Farfalla d'oro al concorso 5O&Più per l'opera "Autunno a parco Ranghiasci", con la seguente motivazione: "Una accurata espressività racchiude l'immagine naturale dentro una fitta rete di accordi tona li".
2013 L'opera "Autunno a parco Ranghiasci" è stata scelta dall'organizzazione 5O&Più come copertina del cd musicale di loro produzione "Cinquant'anni e Più".
2014 Libellula d'argento al concorso 5O&Più per l'opera "L'ombrello giallo", olio su tela.
2015 Libellula d'argento al concorso 5O& Più per l'opera "Sole e girasoli", olio su tela.
2016 Libellula d'argento al concorso SO&Più per l'opera La luna e il bacio, e segnalazione della giuria con la seguente motivazione: "Una figurazione incantata dalla spazialità fantasiosa e da un mobile modellato cromatico".
2016 L'opera "L'altalena", olio su tela, viene donata al Quartiere di San Giuliano per far parte del tesoro di San Giuliano messo all'asta dal Quartiere per raccogliere fondi per l'attività dell'associazione. Questa la recensione nel catalogo: "Usa la tecnica olio su tela manifestando una particolarissima sensibilità cromatica e spesso adoperando colori a corpo che accentuano, in senso espressivo, la sua serena visione del mondo".
2017 Libellula d'argento al concorso 5O&Più per l'opera "Insieme", olio su tela.

13 Marzo 2018 - Musica da raccontare: nei canti di guerra il valore del ricordo

   Il 13 marzo 2018 presso il Teatro "Luca Ronconi" di Gubbio, la scuola media “Mastro Giorgio–Ottaviano Nelli” ha organizzato il concerto “Musica da raccontare”: il valore del ricordo nei canti di guerra che narrano le vicende vissute dai nostri soldati al fronte durante la Prima Guerra mondiale.
   L'evento ha visto la partecipazione del Coro Cantores Beati Ubaldi, diretti dal maestro Renzo Menichetti, e dei musicisti Marco Becchetti, Graziano Brufani, Domenico Panfili, Gianluca Giombetti; voce solista Paolo Rosati; narratore Giuliano Traversini.
 

   Il concerto trae ispirazione dal Centenario della Grande Guerra, nel corso della quale gli Eugubini, sul fronte del Col di Lana, realizzarono, anche durante le atroci sofferenze della guerra, una particolare Festa dei Ceri del 15 maggio 1917 che ha rappresentato un gesto straordinario di amore e di devozione verso il Patrono Sant'Ubaldo.
    Attraverso queste vicende, gli alunni delle classi terze, guidati dalle Prof.sse Anna Benelli, Giovanna Lidia Ghigi, Ludovica Fecchi, Anna Maria Menichetti e Antonietta Pierotti, hanno affrontato lo studio della Storia facendo riferimento a fatti che solitamente non sono riportati nei libri, ma che offrono spunti di riflessione fondamentali per comprendere appieno la drammaticità della guerra. Le storie raccontate dai canti degli Alpini sono state conosciute e studiate dagli alunni sotto l'attenta guida dei Prof. Maurizio Ceccarelli, Domenico Panfili e Alberto Sabbatini.

    La Dirigente scolastica, Prof.ssa Isa Dalla Ragione, ha voluto sottolineare l'importanza del progetto con queste parole: “La storia siamo noi: ricordare il passato è un mezzo per cercare di capire il presente e sperare in un futuro migliore anche grazie alle nostre azioni; proprio per tale motivo la scuola ha realizzato un progetto che vedrà l'interazione degli alunni con il narratore, i musicisti e il coro, perché il valore del ricordo, reso vivo dai testi dei canti scelti, molti dei quali degli Alpini, assuma una forte valenza educativa e contribuisca alla conoscenza dei fatti accaduti”.
   Presente anche il Sindaco Prof. Filippo Stirati che ha avuto parole di elogio e di partecipazione all'iniziativa, lodando sia studenti che professori.

17 Marzo 2018 - 157° anniversario dell'Unità d'Italia


   Ricorre oggi il 157° anniversario dell'Unità d'Italia.
  Si tratta di una ricorrenza civile del nostro Paese, che commemora la nascita dell' Italia Unita in un Unico Stato, avvenuta il 17 marzo del 1861.
   Una data davvero importante che andrebbe ricordata e festeggiata "alla grande" e invece ci sembra che non sia così!
   Non è che l'auspicio di Massimo d'Azeglio (1798 – 1866): "Abbiamo fatto l'Italia ora dobbiamo fare gli italiani”  debba
ancora compiersi?

   Per ripassare la storia, la nostra grande storia....
                        
vedi:
http://www.eugubininelmondo.com/ItaliaUnita.html


                                                      

17 Marzo 2018 - Consegnati i Premi Bandiera 2017
 Domenica 17 marzo 2018 ore 17.30 presso la "Sala Trecentesca" del  Comune di di Gubbio si è svolta La cerimonia di consegna del "Premio Bandiera Città di Gubbio" 2017, istituito dal "Gruppo Sbandieratori" e dall’Amministrazione Comunale.

   Fin dall’anno del 1986, anno della sua fondazione, il premio ha riscosso grandi consensi e partecipazione.
   Quest’anno il tradizionale “Premio 
Bandiera Città di Gubbio” è andato al Flavio Insinna, attore e conduttore televisivo che  ha interprtetato il capitano Flavio Anceschi nelle prime cinque serie della fortunata fiction televisiva Rai Don Matteo, girata a Gubbio.

    L’altra assegnazione del Premio è stata destinata alla "Università LUMSA"(Libera Università Maria Santissima Assunta), che è ritornata, dopo alcuni anni, a Gubbio restituendole il giusto significato di centro di studi universitari. La LUMSA, fondata da Luigia Tincani nel 1939 a Roma, affonda le sue radici anche nella città di Gubbio già dal 1924 quando alcune donne consacrate missionarie, guidate dalla stessa Luigia Tincani, insegnanti ed educatrici fecero di Gubbio un prezioso punto di riferimento culturale, aprendo il liceo privato. Il Premio per l'università è stato ritirato dal Cardinale Giovanni Lajolo, presidente del Consiglio di Amministrazione.

    A fare gli onori di casa ai premiati, il sindaco Filippo Mario Stirati e il Presidente onorario del "Gruppo Sbandieratori" Giuseppe Sebastiani, presente il neo vescovo di Gubbio Luciano Paolucci Bedini, il consigliere regionale Andrea Smacchi, il presidente onorario della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Carlo Colaiacovo e un foltissimo pubblico.

Fabio Mariani "crematores" a Thann 2018

    Per quanto concerne i rapporti tra Gubbio e Thann, in quest'anno (2018) ricorre il 60° della firma del gemellaggio, avvenuto il 16 maggio 1958, anche se i legami tra le due città hanno origini ben più lontane al punto che tale gemellaggio viene solitamente definito "il gemellaggio più antico d'Europa".
   Per tale occasione, è giunta
la comunicazione dalla città di Thann che il sindaco Romain Luttringer ha riservato l'onore di accendere uno dei tre abeti ad un "Eugubino". Sarà infatti Fabio Mariani, presidente dell'Università dei Miratori, uno dei tre "crematores" nell'ambito della "Cremation des trois Sapins" il prossimo 30 giugno.
    Mariani si aggiunge all'elenco degli Eugubini a cui è stato riservato l'onore di primi attori nell'ambito della festa che a Thann si svolge in onore di S. Ubaldo ( St. Thiébaut, come viene chiamato nella città francese).

Fabio Mariani insieme alla famiglia di Tino Calligaro, responsabile a Thann del gemellaggio con Gubbio

24-25 Marzo 2018 - "Ventomania 2018" -Aquiloni a Gubbio


Gubbio - da sabato 24 a domenica 25 Marzo 2018.
 al parco del Teatro Romano gli Aquiloni hanno conquistato la scena :)
“Ventomania”, Festival internazionale di aquiloni, è stato promosso e organizzato dall’ Associazione “Aquilonisti Eolo Gubbio”, con il patrocinio del Comune di Gubbio.
Il buon vento ha favorito le esibizioni di aquilonisti italiani e stranieri che hanno partecipato al meeting.
La magia e la bellezza degli aquiloni sono il motore di questa manifestazione che si svolge da oltre 30 anni ed è un evento molto atteso, sia dagli appassionati, che dai semplici amatori di tutte le età.

                                               

30 Marzo 2018 - Venerdì Santo - Processione del Cristo Morto


 

   Gubbio 30 marzo 2018 - Venerdì Santo - tradizionale Processione del Cristo Morto.
   Le statue del Cristo morto e della Madonna addolorata, nonostante la pioggia, sono state portate a spalla e precedute dai “Sacconi” con i simboli della Passione, hanno  percorso il tradizionale itinerario cittadino tra i canti del “Miserere”, le preghiere dei fedeli, il calore e le luci dei “focaroni” accesi in vari punti del percorso.
La processione, a causa dei lavori di restauro in corso presso la Chiesa di Santa Croce, ha preso il via dalla chiesa di S. Domenico, alle ore 19.30 (7.30pm) ed è stata anche trasmessa in diretta in tutto il mondo da Arancia Live e attraverso tale "app" può essere rivista anche "registrata".
Vedi+++    http://www.eugubininelmondo.com/Processione.html

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

                                 Vedi le News... del mese successivo!!!

       Vedi le News... del mese precedente!!!

                                        <<< TORNA ALL'INDICE CRONACA 2018

<<< TORNA ALL'INDICE GENERALE DELLA CRONACA