Home Lascia il tuo messaggio E-mail Messaggi e Lettere di Eugubini nel Mondo
   CRONACA MAGGIO 2006
<<< TORNA ALL'INDICE CRONACA 2006   
6 Maggio 2006: Intitolato a Pietro Barbetti  lo Stadio "S. Biagio"
6 Maggio 2006: Aperta la zona archeologica della Guastuglia
7 Maggio 2006: I Ceri ritornano in città
8 Maggio 2006: Inaugurata Piazza S. Giovanni, rimessa a nuovo
8 Maggio 2006: Riaperta la Chiesa di San Benedetto
10 Maggio 2006: Scompare Romolo Angeloni, 2° Capitano dei Ceri nel 1991
11 Maggio 2006: Inaugurazione della Mostra "Brocche d'Autore"
12 Maggio 2006: Gli Eugubini di Jessup arrivano a Gubbio per i Ceri
12 Maggio 2006: Le musiche e le canzoni della Festa dei Ceri su CD
14 Maggio 2006: Gli Eugubini vivono la vigilia della Festa
15 Maggio 2006: La festa dei Ceri 2006
16 Maggio 2006: Il Giorno di Sant'Ubaldo
21 Maggio 2006: La Festa dei Ceri Mezzani
22 Maggio 2006: Tour Virtuale della Città di Gubbio
27 Maggio 2006: Festa dei Ceri a Jessup
28 Maggio 2006: Palio della Balestra - Vince Sansepolcro
28-29 Maggio 2006: Elezioni per il rinnovo dell'Amministrazione Comunale di Gubbio
31 Maggio 2006: Marco Fioriti eletto Presidente della Società "Gubbio Calcio"

Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

               Vedi le News... successive!!!

Vedi le News... precedenti!!!   
      

<<< TORNA ALL'INDICE CRONACA 2006

           <<< VAI ALL'INDICE GENERALE DELLA CRONACA

 

 

6 Maggio 2006 - Intitolato a Pietro Barbetti  lo Stadio "S. Biagio"


      Oggi, con una bella cerimonia, lo stadio San Biagio, realizzato nel 1977, è stato intitolato a Pietro Barbetti. Il consiglio comunale lo aveva deliberato il 6 febbraio scorso. Oltre a tanti suoi ex giocatori (quelli che negli anni ’60 e ’70 hanno fatto grande il Gubbio) e ai giocatori del Gubbio Calcio di oggi, c’erano molti illustri personaggi del calcio italiano. Presenti i familiari e le Cementerie Barbetti al gran completo.
   Grande e sentita è stata la festa fatta dai tifosi che non hanno mai dimenticato quanto il commendatore Barbetti ha fatto per lo sport eugubino.
   Quando il figlio Fernando ha scoperto il cippo in bronzo realizzato da
Nello Bocci, più di una persona si è commossa. “Gli volevano bene tutti – ricorda il vescovo emerito, monsignor Pietro Bottaccioliun uomo vero e semplice, nonostante la posizione che ricopriva. E’ bello vedere oggi, a distanza di 20 anni, come Gubbio lo ricorda con lo stesso affetto di quando era presidente della squadra rossoblu”.
   E il
sindaco Orfeo Goracci aggiunge: “Un grande eugubino, riferimento puntuale del calcio rossoblu per 30 anni. Sollecitati da tanti cittadini, non potevamo dire di no a un grande protagonista della vita cittadina legato allo sport e ai suoi valori. In consiglio comunale siamo spesso divisi, ma sull’intitolazione dello stadio a Pietro Barbetti abbiamo raggiunto una storica unanimità. Nel momento in cui il calcio attraversa grandi d
ifficoltà, noi rendiamo omaggio a un personaggio di grande spessore e purezza. Gubbio è orgogliosa di avere uno stadio a nome di Pietro Barbetti”. Gli applausi scandiscono le parole del sindaco e il figlio Fernando tira fuori uno di quei vecchi lunghissimi sigari che il commendatore era solito accendere durante le gare. Applausi anche all'indirizzo di Dante Barbetti, l’unico dei suoi fratelli ancora in vita e presente alla cerimonia.
Pietro Barbetti è scomparso nel 1986, a seguito di un incidente stradale.

 

                                                 

6 Maggio 2006 - Aperta la zona archeologica della Guastuglia  


       Riapre al pubblico una parte della Gubbio romana. Si tratta della zona della Guastuglia (situata immediatamente a sud della Porta degli Ortacci) dove scavi archeologici hanno portato alla luce una "domus romana" di fine età augustea, detta anche “del Banchetto” per la presenza di un bel mosaico del IV secolo con Venere su un triclinio. Il nucleo centrale della domus è costituita da 6 ambienti su uno sviluppo di circa 250 mq. Il sindaco Goracci ha sottolineato che si tratta di un primo ma significativo passo verso la definizione e la valorizzazione dell’intera area archeologica, con un collegamento già previsto con l’area del Teatro Romano. 

                                          

7 Maggio 2006 - I Ceri ritornano in città


       E' la "prima domenica di Maggio". I Ceri vengono riportati in città dalla Basilica di Sant'Ubaldo dove erano stati deposti, come sempre, a conclusione della festa dello scorso anno.
   Si tratta del primo vero atto che prelude la grande festa del 15 maggio 2006.
   Una stupenda giornata di sole e una grande folla ha fatto da cornice al ritorno dei Ceri in città.
   Celebrata in Basilica la Santa Messa (che quest’anno, dopo essere stata anticipata l'anno scorso alle ore 7.30, è stata celebrata alle ore 8.00) i Ceri sono stati portati in città e collocati dentro il
Palazzo dei Consoli.
   Poi, tutto come sempre: la colazione con la "coradella", seguita dal pranzo grandioso, a base d'agnello, per 650 persone, preparato dall'Università dei Muratori nelle sale degli Arconi, sotto Piazza Grande.
   Per l'occasione, come è tradizione, è uscito il periodico
"Via ch'eccoli", giunto alla 31° edizione. Quest’anno il consueto inserto, giunto alla XI edizione, riguarda “la Festa dei Ceri dai primi moti risorgimentali al dopo unità (1796–1880)” a firma di Adolfo Barbi.

 

8 Maggio 2006 - Inaugurata Piazza S. Giovanni, rimessa a nuovo


    Inaugurata Piazza San Giovanni con il suo nuovo look. Dopo alcune perplessità iniziali, la città nella stragrande maggioranza ha finito per apprezzare ed ammirare l'opera che porta la firma di un grande architetto di fama mondiale: Gae Aulenti.
   Don Mauro Salciarini, parroco della chiesa di San Giovanni, ha affermato: “La piazza così ha trovato la sua vocazione: abbracciare e accogliere la gente. Prima era solo un parcheggio per auto e nessuno arrivava fino alla pianta di ciliegio, in fondo alla piazza, per voltarsi e contemplare la vista della città. I lavori l’hanno resa veramente nuova. Nei secoli - ha continuato - era la piazza della vice cattedrale cittadina, ha ospitato i vescovi e i magistrati che qui prendevano possesso del loro incarico. Fu in questa piazza che nel 1960 si celebrerò l'ottavo centenario della morte di Sant’Ubaldo e qualche anno dopo, nel 1964, si svolse la veglia funebre per il vescovo Beniamino Ubaldi”.
   L'opera è stata realizzata grazie al finanziamento delle Cementerie Barbetti.
   Il costo dell'opera è stato di circa 400 mila euro: una nuova pavimentazione in pietra gengone su tutti i 1000 metri quadrati della superficie, quattro ulivi lungo un piccolo corso d’acqua collegato ad una fontana, 29 punti luce sistemati in tre file e un’illuminazione incassata nella pavimentazione per la facciata della chiesa, il tutto produce un
effetto davvero suggestivo.
   Durante la Cerimonia, Antonella Barbetti, Presidente delle Cementerie, ha ricordato come: 
la Cementeria Barbetti è stata la prima industria sorta nel secondo dopo guerra a Gubbio ed ha contribuito a limitare ed arginare l’emigrazione in massa di tanti eugubini. Dopo 50 anni dall’atto costitutivo dell’azienda le Cementerie oggi vogliono fare questo regalo alla città e ne siamo orgogliosi. Ci siamo sempre adoperati in iniziative per la città, dalla cultura allo sport. Proprio qualche giorno fa si è svolta l’intitolazione dello stadio a Pietro Barbetti e questo dimostra che le Cementerie hanno sì dato alla città ma anche ricevuto molto. Questa piazza torna a vivere e diventa il salotto buono della città”.

 

                                            

8 Maggio 2006 - Riaperta la Chiesa di San Benedetto  


    Oggi è stata riaperta, con una cerimonia di inaugurazione organizzata dal Comune, la chiesa di San Benedetto, luogo di culto e di arte, che nel 1984 subì gravi danni a causa del terremoto e che negli ultimi anni è stata oggetto di un importante lavoro di ristrutturazione e consolidamento di esterni ed interni.
   Il Complesso di San Benedetto nacque come convento dei Monaci Benedettini intorno al 1338 ed è diventato, con bolla del Papa, nel 1425 monastero degli Olivetani; successivamente, a partire dal 1530, fu sede delle suore Clarisse fino ai primi del ‘900.
   I lavori strutturali, che hanno riguardato la Chiesa, la Sagrestia, la Canonica, il Campanile e la sala Capitolare, sono stati finalizzati alla riparazione dei danni sismici, all'adeguamento degli impianti e all’abbattimento delle barriere architettoniche, ed al recupero funzionale dell'immobile. Per la chiesa è stato effettuato un intervento conservativo delle superfici a stucco della volta e degli altari oltre alla ripulitura del pavimento in cotto.
   Presenti il vescovo Ceccobelli, il sindaco Goracci, la vice sindaco Pascolini, gli assessori Bianchi e Cacciamani. Il
Sindaco Goracci ha sottolineato come: «La riapertura di San Benedetto si aggiunge agli interventi sull’intero complesso monumentale e costituisce una parte di un progetto complessivo di recupero e valorizzazione dell’intero quartiere di S. Lucia. In particolare, abbiamo allestito qui un primo nucleo di esposizione ceramica contemporanea di proprietà comunale e, in prospettiva, il recupero dell’annesso chiostro, potrà offrire spazi di grande funzionalità per iniziative varie.» Il Vescovo Ceccobelli ha manifestato lo stupore di scoprire a Gubbio sempre nuove bellezze, suggerendo di aggiungerle nelle guide turistiche.
   Complessivamente i lavori, che sono iniziati nel 2004 e sono stati eseguiti dalle ditte Cooperativa Edile Eugubina e Isidoro Bacchiocca di Urbino, sono costati circa 650 mila euro, dei quali 480 mila Euro della Regione Umbria e 170 mila Euro del Comune.

 

10 Maggio 2006 - Scompare Romolo Angeloni, 2° Capitano dei Ceri nel 1991


A seguito di una lunga malattia scompare Romolo Angeloni (de "Cudignone"). Era nato nel 1937 ed era molto conosciuto per le sue grandi qualità umane e professionali. E' stato un muratore di eccezionali capacità e con la sua impresa si è dedicato soprattutto al restauro delle vecchie case di Gubbio e del circondario.
   Sangiorgiaro di indubbia fede, ha dimostrato sempre una gran passione per la Festa dei Ceri e tutti gli anni trascorreva le sue ferie dal lavoro nelle cucine del Palazzo dei Consoli per aiutare l'
Università dei Muratori nella preparazione dei vari pranzi per la Festa. 
   Come
2° capitano ha "mandato" i Ceri nel 1991, insieme a Franco Ragni, 1° capitano.
   E' stato l'ultimo Capitano a correre a piedi davanti i Ceri, infatti, a partire dal 1992, anche per sua esplicita proposta, il 2° Capitano ha avuto il cavallo come il primo. 
Lascia la moglie Luisa Panfili e i figli Francesca e Mario.

                                                   

11 Maggio 2006 - Inaugurazione della Mostra "Brocche d'Autore"


Inaugurata nelle sale inferiori del Palazzo dei Consoli, con accesso da via Gattapone, la V° edizione di "Brocche d’Autore". Gli artisti di quest’anno sono: Nello Teodori, Mario Boldrini ed Emidio Galassi. La mostra sarà visitabile fino al 2 giugno. Gli artisti hanno realizzato ciascuno tre brocche, una per ogni cero.
   Promotrice dell'iniziativa è l'
Associazione Maggio Eugubino in collaborazione con l'Amministrazione Comunale e l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Perugia.
   In occasione dell'apertura della quinta edizione gli organizzatori hanno pubblicato anche un catalogo che offre una panoramica di quanto prodotto in questi anni.
Brocche realizzate, per l'edizione 2002, da: Sara Angeloni, Marianna Mariani e Angela Orsini (Studentesse dell'Istituto Statale d'Arte di Gubbio).

                                               

12 Maggio 2006 - Gli Eugubini di Jessup arrivano a Gubbio per i Ceri


     Nel pomeriggio è giunto il "Gubbio Express", viaggio organizzato da Carole Coccodrilli, la quale è che dal 1978 che accompagna tanti eugubini di Jessup a Gubbio.
   Anche quest'anno sono tanti, circa 65 persone. Gubbio e
Jessup sono città gemellate. Quest'anno, oltre al gruppo di Carole, stanno arrivando altri piccoli gruppi che vanno ad aumentare il numero degli Eugubini d'America.
   Ci sarà anche il Sindaco di Jessup, Beverly Valvano Merkel, eugubina per parte di madre. Tra i molti c'è Thomas Fiorelli, responsabile della
St. Ubaldo Society, che è l'equivalente della nostra università dei Muratori tanto che una recente sentenza del tribunale americano ha riconosciuto questa associazione essere l'unica depositaria della tradizione dei Ceri di Jessup.

 

                                                   

 

12 Maggio 2006 - Le musiche e le canzoni della Festa dei Ceri su CD


    Dopo il primo CD uscito 6 anni fa, la Banda musicale "Città di Gubbio", diretta dal maestro Franco Radicchia, ha realizzato e presentato un secondo CD diviso in due parti: “Festa”, il titolo della prima parte dedicata ai brani ceraioli; “Concerto”, la seconda parte con opere liriche di Mozart, Puccini e Verdi e due originali: “La corsa dei Ceri”, composta dal maestro Carlo Pirola e un secondo brano “Ikuvium”, composto da Lorenzo Della Fonte.
   Il CD dal titolo eloquente “Quando ritorno ti porto un fiore” contiene canzoni come: “Il Fazzoletto”, “Primavera baciata dal sole”, “Inno Sangiorgiaro” ed altri brani che, pur non essendo eugubini di origine, sono ormai divenuti la colonna sonora della Festa dei Ceri.
   Il CD è in vendita in molti negozi, a Gubbio, al prezzo di 18 Euro.
E' in vendita anche un numero limitato e numerato di litografie di Luigi Stefano Cannelli (componente della Banda). Il soggetto delle litografie è rappresentato anche sulla copertina del CD; il prezzo di ciascuna litografia è di 60 Euro.
   L'opera è stata realizzata con il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione dell’Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Gubbio, Diocesi di Gubbio, Università dei Muratori, Associazione Maggio Eugubino, Famiglie Ceraiole e il contributo di Cementerie Aldo Barbetti e Colacem.
   Parte dell’incasso andrà all’Astenotrofio Mosca e al finanziamento dell’archivio della Banda musicale.
   Chi lo desidera, può richiederlo a: 
FOTOLIBRI

Corso Garibaldi, 57
06024 Gubbio
Tel e fax: 0039.075.922.25.41
                                             

14 Maggio 2006 - Gli Eugubini vivono la vigilia della Festa


   Aspetti e momenti diversi, sia religiosi che civili, caratterizzano la vigilia della Festa dei Ceri.
   Alle ore 18 tutti alla chiesetta dei Muratori per la benedizione dei
Capitani e Capodieci.
 

  

   Alle ore 19 tutti in Piazza grande per udire da vicino il "Doppio" del Campanone (Doppia suonata, appunto! Il Campanone viene "alzato" ed i Campanari lo suonano due volte, una dopo l'altra!) La piazza è gremita fino all'inverosimile.

 


   

Alle ore 20 l'assaggio del baccalà preparato dai mastri muratori sotto gli Arconi, baccalà che servirà per la colazione dei ceraioli.
   La serata è nuvolosa, ma le previsioni fanno ben sperare per domani. W i Ceri. W S. Ubaldo. W Gubbio. W gli Eugubini!!!!

 

                                                

15 Maggio 2006 - La festa dei Ceri 2006


    E' stata una bella giornata di sole!
I Ceri hanno corso tra una folla enorme ed
esultan
te. Splendida la Festa ed appassionante la corsa. Alla cronaca sono consegnate la caduta di S.Antonio in Via XX Settembre (prima dell'inizio del "Buchetto") e due cadute di San Giorgio sul monte (sul primo e sul settimo stradone). 


   Ma nonostante le cadute, l'omaggio al Patrono si è ripetuto con lo slancio e la devozione di sempre!!!
I Ceri, al loro arrivo in Basilica, hanno ripetuto, secondo tradizione, il rituale vecchio di secoli.
Marco Alunno e Pier Angelo Panfili
Capitani, e i Capodieci: Leonello Nicchi di Sant'Ubaldo, Massimo Minelli di San Giorgio e Mario Gaggiotti di Sant'Antonio hanno guidato ceraioli ed eugubini in una bellissima giornata sicuramente degna di essere ricordata.

    Tanti gli Eugubini ritornati da ogni angolo del mondo per rivivere la Festa. Inoltre, nonostante il lunedì, tanti i turisti arrivati appositamente e tanti i vip presenti.
Nonostante l'assenza giustificata dei parlamentari italiani [la Corsa si è svolta in contemporanea con il primo saluto del nuovo Presidente della Repubblica Italiana (Giorgio Napolitano) al Parlamento riunito], importanti sono state le presenze politiche internazionali. Infatti oltre l’ambasciatore giapponese in Italia (Uji Nakamura) e ai rampolli di casa Grimaldi, reali del principato di Monaco (Pierre Casiraghi figlio della principessa Carolina e Stefano Casiraghi e Ernest e Cristian di Hannover figli del secondo marito della principessa), ci ha onorato della sua presenza l’ambasciatore USA in Italia, di origini eugubine,
Ronald P. Spogli, che ha voluto anche "provare la spalla" sotto la stanga del cero, durante la mostra.

L'Ambasciatore Ronald Spogli con il Cero di S. Ubaldo insieme al Capodieci Leonello Nicchi e al Presidente dell' Associazione Eugubini nel Mondo, Mauro Pierotti.

L'Ambasciatore Uji Nakamura al suo arrivo, in Piazza Grande, la sera del 14 maggio, ricevuto dal Sig. Sean Pegula dell'Hotel Relais Ducale

                                                

16 Maggio 2006 - Il Giorno di Sant'Ubaldo  


    Come è ormai tradizione, seppure recente, la statua di S. Ubaldo viene trasferita al Duomo dalla Chiesetta dei Neri, dove era stata depositata ieri sera al termine della Processione che ha dato il via alla Corsa dei Ceri.
   Il Cardinale monsignor Paolo Romeo, nunzio apostolico della Santa Sede in Italia, ha concelebrato assieme al vescovo di Gubbio
Mons. Mario Ceccobelli al vescovo emerito Mons. Pietro Bottaccioli il solenne pontificale in Cattedrale, in onore di Sant’Ubaldo nel giorno della sua Festa.
   In una Cattedrale gremita di fedeli sono presenti il
Sindaco Orfeo Goracci e i rappresentanti dell’autorità militari nonché i rappresentanti delle città gemellate di Thann e di Jessup.
   Presenti alla funzione religiosa anche i protagonisti della Festa dei Ceri, i
Capodieci Leonello Nicchi, Massimo Minelli e Mario Gaggiotti e i Capitani Marco Alunno e Pier Angelo Panfili assieme ai Presidenti della Famiglie Ceraiole, del Maggio Eugubino, dell’Università dei Muratori e della nostra Associazione.  “Nonostante fosse incline al silenzio e alla contemplazione – ha ricordato monsignor Romeo Sant’Ubaldo ha vissuto tra i suoi concittadini divenendone guida, ha rischiato la propria vita contro il Barbarossa per difendere la città e l’identità di tutti gli eugubini”.
   Nel pomeriggio solenne celebrazione anche in Basilica, infine alle ore 18 il tradizionale Concerto di S. Ubaldo tenuto dalla
Banda “Città di Gubbio” diretta dal maestro Franco Radicchia.
   Quest'anno, per la prima volta il concerto si è tenuto nella rinnovata
Piazza S. Giovanni (fino qualche anno fa, si teneva in Piazza Oderisi e negli ultimi anni in cima al Corso Garibaldi ai piedi della "Statua" del Santo).
   Ospite d’onore il compositore del brano “Ikuvium suite”, il maestro Lorenzo della Fonte, insegnante al conservatorio di Udine.
   Nella serata infine si è tenuta presso il Park Hotel Ai Cappuccini la tradizionale "Cena degli eugubini lontani", un momento conviviale organizzato dalla
Ass. Maggio Eugubino
   Durante la serata, oltre alla consegna di un riconoscimento ai
Capodieci e Capitani della Festa dei Ceri 2006, sono stati consegnati dei premi speciali di benemerenza, rivolti a coloro i quali hanno dimostrato un forte attaccamento alla città di Gubbio.
I premiati sono stati Paolo Micalizzi che ha scritto un libro sull’urbanistica e l’architettura della città di Gubbio; lo studioso e fotografo subaqueo eugubino in... Francia,
Carlo Ceccacci e Cesare Bocci che fu tra gli organizzatori di be
n cinque Feste dei Ceri a Villerupt dal 1951 al 1955 e che ora risiede a Roma e dimostra da sempre un grande amore per la sua e nostra città.

 

21 Maggio 2006 - La Festa dei Ceri Mezzani


   Una giornata assolata e ventilata fa da sfondo alla Festa dei Ceri Mezzani.
   Marco Pierotti e Marco Biagiotti, rispettivamente primo e secondo Capitano, insieme ai Capodieci (Alessandro Tosti per il cero di Sant'Ubaldo, Andrea Bellucci per San Giorgio e Stefano Pierantozzi per Sant'Antonio) hanno dato il via alla giornata di Festa contrassegnata da una bella e serena allegria.
   La mostra ha preceduto l'attesa fino alle 18, quando ha ripreso la frenetica corsa appassionante e incontenibile com'è caratteristica della corsa dei nostri giovani ceraioli. 
   Alla cronaca vanno ascritte oltre alla penduta di S. Ubaldo alla prima girata dopo l'alzata, due cadute del Cero di S. Antonio (la prima sulla calata dei Neri e la seconda vicino la curva di S. Francesco, dove in verità non ha toccato la terra), e una penduta del Cero di S. Giorgio, in via XX settembre, nei pressi del vescovado.
   Infine all'arrivo in Basilica, al termine dell'ultimo sforzo, quello più duro, rappresentato dalla salita lungo gli stradoni del monte Ingino, i Ceri hanno ripetuto, secondo tradizione, il rituale vecchio di secoli. Poi, al canto dell'Inno a S. Ubaldo, il ritorno in città delle statue dei Santi. 
   Come per il 15 maggio gli "Eugubini nel Mondo" hanno avuto la possibilità di seguire la corsa in diretta su internet, grazie al collegamento con il sito di Tele Radio Gubbio.

 

                                                   

22 Maggio 2006 - Tour Virtuale della Città di Gubbio


Da oggi é disponibile on line, consultando il website ufficiale del comune di Gubbio, il “Tour Virtuale Città di Gubbio” un progetto realizzato dall’Assessorato al Turismo e dal Servizio Turistico Territoriale Associato del comune di Gubbio.
   Il sindaco Orfeo Goracci e l’assessore M. Cristina Ercoli hanno espresso soddisfazione per la realizzazione di questo prodotto, sottolineando l’importanza di questo innovativo e interessante supporto promozionale per la città. Infatti il “Tour Virtuale” consente di visitare virtualmente la nostra città in quanto presenta una mappa in cui possono essere scelti i luoghi che si desidera visitare. Il tour virtuale contiene attualmente 22 luoghi visitabili, 20 foto per la photogallery, 70 soggetti fotografati tra cui 10 chiese, 8 panorami, 4 piazze e 10 scorcio e palazzi della città.
   Lo scopo non è solo quello di dare notizie su Gubbio ma soprattutto quello di incuriosire il navigatore che poi potrà anche acquisire ulteriori informazioni  attraverso links e collegamenti con altri sitiweb, tra cui il
nostro.

 

27 Maggio 2006 - Festa dei Ceri a Jessup


    In una bella giornata di sole si è svolta a Jessup (Pennsylvania) una memorabile Festa dei Ceri. I capodieci “americani”: Giovanni Anelli [nato a Gubbio,  Mocaiana, nel 1963] (S.Ubaldo), Giuseppe Ferretti (S.Giorgio) e Roberto Sebastianelli (S.Antonio) con il Capitano dei Ceri Mike Linko hanno guidato i loro ceraioli in una grande corsa, senza cadute, che ha ben onorato S. Ubaldo anche al di là dell’oceano.
   Molti sono stati i giovani ceraioli che hanno preso il Cero per la prima volta. Con evidente soddisfazione Thomas Fiorelli, presidente della
Society of St.Ubaldo, ci comunica: "It was another great Festa in Jessup!  The Ceri ran exceptionally strong in front of thousands of spectators under sunny skies.  Again, no one was injured and preparations for next years Festa are already underway! We give thanks to St. Ubaldo for this great tradition!".

 

                                                   

28 Maggio 2006 - Palio della Balestra - Vince Sansepolcro


    In una assolata domenica di maggio, a Piazza Grande, dopo cinque anni consecutivi in cui i Balestrieri di Gubbio avevano sempre conquistato il Palio, quest'anno i Balestrieri di Sansepolcro, con Marco Rossi, conquistano il Palio della Balestra a Gubbio.
   Il balestriere della città toscana ha preceduto l'eugubino Francesco Morelli e Giandomenico Vaccarecci di Sansepolcro.
   Rossi si aggiudica così il palio realizzato da
Emanuele Ventanni, l'artista molto spesso ispirato dai vari aspetti del folklore eugubino.
   Molto apprezzato ed applaudito anche lo spettacolo degli
Sbandieratori di Gubbio.
   Prossimo appuntamento per i nostri Balestrieri a
Sansepolcro la seconda domenica di settembre e in piazza grande ad agosto per il Torneo dei Quartieri.


                                                        

28-29 Maggio 2006 - Elezioni per il rinnovo dell'Amministrazione Comunale di Gubbio


 Si sono svolte le votazioni per l'elezione diretta del Sindaco e il rinnovo del Consiglio Comunale. Gli aventi diritto al voto sono stati 28.062 distribuiti nelle 37 sezioni elettorali del Comune di Gubbio, ma hanno votato 20.993 pari al 74,81 %.
   6 sono stati i candidati a sindaco, 13 le liste e 316 i candidati a consiglieri comunali.
   Hanno ottenuto voti: Orfeo Goracci 9.831 (48,22 %), Paolo Barboni 7.955 (39,02%), Antonino Rocco Piano 307 (1,51%), Gianfrancesco Chiocci 1.109 (5,44%), Fabio Fiorucci 165 (0,81%) e Rocco Girlanda 1.021 (5,01%).
   Non avendo ottenuto nessun candidato a Sindaco la maggioranza richiesta (50%+1), si dovrà attendere il ballottaggio di domenica 11 e lunedì 12 giugno tra il
sindaco uscente Orfeo Goracci [48,22 %] (candidato da: Rifondazione Comunista; Sinistra Unita; Verdi per Gubbio) e Paolo Barboni [39,02%] (candidato da: L'Ulivo; Socialisti Uniti; Rinascita Eugubina; Lista di Pietro; Gubbio per l’Ambiente, Comunisti Italiani).

                                                           

31 Maggio 2006 - Marco Fioriti eletto Presidente della Società "Gubbio Calcio"


   Marco Fioriti, 42 anni, imprenditore della frazione di Carbonesca è stato eletto nuovo Presidente della Società Sportiva "Gubbio Calcio" dall'assemblea dei soci, per acclamazione.
   Fioriti sostituisce, nella carica di Presidente della Società Rosso Blu,
Umberto Bedini che aveva preso a guidare la società il 5 luglio 2004.
   Gli auspici e la speranza di tutti sono quelli che Fioriti possa ben traghettare la società sportiva verso il grande traguardo dei cento anni di vita (2010).  

                                                            

  


Vedi le News... Ultimissime!!! >>>

    Vedi le News... del mese successivo!!!

       Vedi le News... del mese precedente!!!

<<< TORNA ALL'INDICE CRONACA GENERALE